BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Più Europa, in campo l’ultima lista per Gori: “Per difendere un’idea di città anti Stucchi” foto

Presentata l'ultima lista a sostegno di Giorgio Gori per le amministrative a Bergamo

Anche l’ultima lista a sostegno di Giorgio Gori è scesa ufficialmente in campo: Più Europa si è presentata alla città nel pomeriggio di sabato 4 maggio al Mutuo Soccorso, che, solo il giorno prima, aveva ospitato il segretario nazionale del Pd Nicola Zingaretti.

“È una giornata molto felice per noi. Il processo che ci ha portato a questa lista è stato lungo e faticoso, ma ha portato a 26 persone fantastiche in campo per dare un contributo decisivo alla vittoria di Gori e per arricchire il panorama politico bergamasco. Si tratta di una lista molto giovane, ma non solo, è l’esperienza che ci caratterizza”, ha dichiarato Nicola Ghisalberti, coordinatore di Più Europa Bergamo.

A sostenerli, Martina Riva del direttivo nazionale, Benedetto della Vedova, segretario di Più Europa, schierato a favore di Giorgio Gori per “difendere una visione di città nettamente agli antipodi di quella di Stucchi” (come ha affermato) e il sindaco uscente, esponente di quell’amministrazione comunale che, a detta di Ghisalberti, ha dato una svolta alla città nel senso dell’attenzione ai temi sociali, allo sviluppo economico e all’ apertura verso il mondo.

“Evitando scaramanzie, io sono sicuro che vinceremo perché ho fiducia nella coalizione che si è formata – ha affermato Gori durante la presentazione, accompagnato dalla moglie Cristina Parodi – Il 26 maggio sarà una sfida importante non solo per Bergamo ma soprattutto per l’Europa. Dobbiamo far sentire la nostra voce contro coloro che vogliono disgregare l’unità, la pace e l’armonia che si è formata. Abbiamo cercato di rendere la nostra città sempre più europea, non vogliamo chiuderci né tornare indietro. Ora ci aspetta un lavoro molto intenso, ma la fatica verrà ripagata”.

Tredici donne e tredici uomini guidati dall’architetto bergamasco Paolo Carzaniga, con vent’anni di militanza politica alle spalle all’interno del gruppo dei radicali e fiero di rappresentare un gruppo che, nella raccolta firme per la presentazione della lista, ha raggiunto un successo inimmaginabile, con 242 firme raccolte in un solo giorno.

“Sono qui perché Bergamo ha sempre avuto una forte componente liberale. Ed è giusto che venga rappresentata e che sostenga Gori: un giorno, secondo me, potrà venire eletto come sindaco migliore del mondo, come il sindaco belga Bart Somers che ha fatto della sua cittadina (Mechelen) un simbolo di integrazione sociale che deve passare dalla qualità della vita nella città”.

Ecco la lista completa:

Bianchetti Elisabetta (29/10/1984) Coordinatore per una cooperativa sociale

Bianchi Matteo (16/03/1991) Consulente fiscale

Buratti Andrea (20/02/1996) Studente

Castellozzi Massimo (21/08/1981) Docente

Corbani Chiara (06/03/1960) Operatrice presso le sedi museali di Bergamo

Cuciti Gabriella (30/09/1984) Avvocato

Cusseddu Stefano (03/03/1992) Praticante Avvocato

De Toni Laura (29/06/1952) Docente in pensione

Ene Doina (24/01/1979) Guida turistica

Eynard Claudio (10/01/1998) Studente

Farina Arianna (19/06/1982) Docente

Lupo Stefania (04/12/1970) Libera professionista

Maggioni Mirko (16/09/1991) Avvocato

Mazzocchi Riccardo (18/04/1994) Studente

Musitelli Federica (22/11/1985) Tecnico consulente ambientale

Nevola Margherita (26/05/1988) Avvocato

Nicoli Arianna (02/09/1993) Infermiera

Paris Luca (17/04/2000) Studente

Persiani Antonella detta Tea (18/12/1959) Imprenditrice artigiana

Pomesano Stefano (20/03/1971) Sales manager

Prestini Marcello (21/01/1970) Bancario

Robba Margherita (21/02/1991) Branded entertainment specialist

Stucchi Davide (12/06/1997) Studente

Torre Grazia (25/01/1985) Designer

Zagarrio Giuseppe (10/06/1982) Ingegnere informatico

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.