Trasloco del mercato, gli ambulanti tornano a manifestare: "Noi non ci spostiamo" - BergamoNews
Bergamo

Trasloco del mercato, gli ambulanti tornano a manifestare: “Noi non ci spostiamo” fotogallery video

Lunedì 29 aprile gli ambulanti sono tornati in strada

Avevano annunciato una nuova protesta, e protesta è stata. A suon di clacson. Lunedì 29 aprile una quarantina di ambulanti del mercato del lunedì nel piazzale della Malpensata sono tornati a far sentire la loro voce contro lo spostamento del mercato in via Spino, proposto dall’amministrazione comunale.

“Gli ambulanti non hanno nessuna intensione di spostarsi in via Spino perché ritengono penalizzante decentrare un mercato all’estrema periferia senza parcheggi e con grosse difficoltà a raggiungerlo a piedi”, ha spiegato Nicola Zarrella, presidente della sezione regionale dell’Associazione Nazionale Ambulanti.

Lunedì alle 14.30 gli ambulanti sono partiti dal piazzale della Malpensata in corteo e raggiunto Piazza Matteotti, passando per il centro cittadino con i loro furgoni. Una volta arrivati di fronte a Palazzo Frizzoni hanno inscenato “La morte degli ambulanti della Malpensata”. “Per sensibilizzare i cittadini di Bergamo frequentatori del mercato su questo grave problema – conclude Zarrella – Inoltre presenteremo il nostro ricorso al Tar che chiede la sospensiva dello spostamento”.

leggi anche
  • La critica
    Federconsumatori contro gli ambulanti: “Non state tutelando i cittadini”
    Ambulanti in corteo nel centro di Bergamo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it