BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Giro dell’Appennino, storica tripletta bergamasca: Cattaneo supera Masnada e Ravanelli

Il 28enne di Alzano Lombardo ha tagliato il traguardo di Via XX Settembre in solitaria grazie a un attacco lanciato a quattro chilometri dall'arrivo

Edizione 2019 in salsa bergamasca per il Giro dell’Appennino che nel pomeriggio di domenica 28 aprile ha visto il trionfo di Mattia Cattaneo davanti al compagno di squadra Fausto Masnada e a Simone Ravanelli.

I tre giovani orobici, che si sono messi già in evidenza nel Tour of the Alps, hanno monopolizzato il podio grazie a un’azione che ha permesso loro di distanziare il gruppo dei migliori sin dal Passo della Bocchetta e di giocarsi così negli ultimi chilometri la vittoria in compagnia dello spagnolo Mikel Bizkarra (Euskadi-Murias).

Dopo aver attaccato nella prima parte della celebre salita, il duo dell’Androni Giocattoli Sidermec e il portacolori della Biesse Carrera Gavardo hanno raggiunto gli uomini che componevano la fuga e hanno subito guadagnato un minuto di vantaggio, distacco che si è ampliato lungo l’ascesa di Fraconalto.

Raggiunti dall’iberico Mikel Bizkarra, i quattro sono transitati insieme sia sul Passo dei Giovi, ultima asperità di giornata, che accanto al Ponte Morandi, proseguendo con un perfetto accordo sino a pochi chilometri dall’arrivo che gli ha permesso di mantenere intatto il vantaggio guadagnato nella sezione più difficile della gara.

A quattro chilometri dall’arrivo il 28enne di Alzano Lombardo ha rotto gli indugi e, grazie a un allungo da finisseur, è riuscito a transitare sul traguardo di Genova in solitaria davanti a Masnada, che ha replicato il risultato ottenuto lo scorso e ha così completato la fantastica doppietta del team guidato da Gianni Savio e Giovanni  Ellena.

Come anticipato ha concluso la propria prova al terzo posto il 24enne di Almenno San Salvatore Simone Ravanelli, al primo podio di rilievo fra i professionisti, mentre hanno completato la top five Mikel Bizkarra e il veneto Federico Zurlo (Giotti Victoria-Palomar).

 

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.