Interrogato a Brescia sull'accoltellamento dell'amico: "Mi minacciava di morte" - BergamoNews
Dal gip

Interrogato a Brescia sull’accoltellamento dell’amico: “Mi minacciava di morte”

Il 25enne si trova nel carcere di Canton Mombello ed è accusato di tentato omicidio aggravato dai futili motivi.

Interrogato dal gip di Brescia, Giulia Costantino, che entro venerdì depositerà le sue conclusioni sulla conferma del fermo, Sergio Ubbiali, il 25enne di Stezzano, disoccupato artista di strada e giocoliere, fermato per aver accoltellato di ritorno da un rave il suo amico dj Maurizio Canavesi, che versa in gravi condizioni all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo (leggi)

Il giovane si trova nel carcere di Canton Mombello ed è accusato di tentato omicidio aggravato dai futili motivi. Al gip ha reso spontanee dichiarazioni fornendo la sua versione dei fatti. Secondo il 25enne la vittima dell’aggressione per tutto il tragitto in camper lo avrebbe minacciato di morte, sia lui sia i suoi familiari, senza alcun motivo.

“Aveva gli occhi spiritati, ha sbroccato, non l’ho mai visto così”, ha detto al Gip. Il dj avrebbe anche cercato di mandarlo fuori strada mentre era alla guida del camper di ritorno da Pisa. Sulla fuga a Brescia con la fidanzata ha detto: “Non volevo fuggire, mi sarei costituito”. L’avvocato presenterà istanza per gli arresti domiciliari

Più informazioni
leggi anche
  • I dettagli
    Tentato omicidio del dj di Terno d’Isola, l’arma è un coltello da cucina
    Accoltellato Terno
  • La svolta
    Dj accoltellato a Terno: arrestato un suo amico, era fuggito in camper
    Maurizio Canavesi
  • Le indagini
    La fidanzata del dj accoltellato a Terno d’Isola: “So chi è stato”
    maurizio canavesi
  • Nella notte
    Accoltellamento a Terno d’Isola: 33enne incosciente, sul corpo molte ferite
    accoltellato terno d'isola
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it