Quantcast
Domenghini: "Vai Atalanta che ce la fai, è l'anno buono per vincere la Coppa" - BergamoNews
Stasera la fiorentina

Domenghini: “Vai Atalanta che ce la fai, è l’anno buono per vincere la Coppa”

Il goleador della finale del 1963 (tre reti) è sicuro: i nerazzurri "aspetteranno la Fiorentina che dovrà scoprirsi e la colpiranno"

C’è un Angelo che mette le ali all’Atalanta. Angelo Domenghini è sicuro: “Arriviamo in finale e vinciamo al 100 per cento”. E aggiunge: “Sarebbe anche ora che la vincessimo questa Coppa Italia, son passati 56 anni e continuano a intervistarmi per i tre gol che ho segnato al Torino (3-1)…A me fa piacere, però credo proprio che questo sia il momento giusto per rivincere la Coppa, questa è l’Atalanta giusta”.

Scusi ma che difficoltà vede nella semifinale contro la Fiorentina? “Secondo me non ce ne sono: all’Atalanta va bene anche il pareggio, tre gol fuori casa sono tanti e la Fiorentina si deve scoprire”.
Però hanno Chiesa e Muriel…”Ma l’Atalanta non giocherà alla garibaldina come è abituata, li aspetterà per colpirli in contropiede. Noi (dice proprio così Domingo, sentendosi ancora atalantino, ndr) abbiamo tante qualità, possiamo giocare anche a uomo. Ma sono convinto che l’Atalanta li aspetterà e con le sue marcature asfissianti a metà campo sarà pronta a riconquistare palla per colpirli”.

Sono di questi giorni gli apprezzamenti di Sacchi: “L’Atalanta ha un calcio bellissimo, di livello internazionale, ha coraggio idee, non molla mai. E’ la vera sorpresa del campionato. Ma quanto è divertente vedere l’Atalanta? Ti riconcilia con il calcio: attacca, domina, non ha mai paura”. E anche Capello è entusiasta dei nerazzurri. Cosa ne pensa? “Capello non ha inventato il calcio. Comunque i risultati, oltre che il gioco, premiano l’Atalanta, una squadra che ha qualità e poi sa ribaltare l’azione e attaccare con tanti giocatori, come abbiamo visto anche a Napoli con gli inserimenti di Masiello, di Mancini“.

Ma il cambio di allenatore che cosa può dare in più alla Fiorentina? “Niente, anzi può anche andare peggio. Gli uomini sono quelli e se Montella vuole stravolgere la squadra può fare anche peggio, perché l’Atalanta sa quello che vuole”.

Quali potrebbero essere gli uomini decivisi in Atalanta-Fiorentina? “Ilicic fa la differenza, poi Gomez in mezzo al campo, salta l’uomo, subisce falli, è sempre un punto di riferimento. E Zapata fa gol”.

La volata Champions? “La partita chiave è Torino-Milan, l’Atalanta deve vincere con l’Udinese che è rapida e aggressiva, non è un compito facile. E’ ancora tutto aperto, direi attenti alla Roma, mentre l’Atalanta è più forte del Milan che fa sempre il solito gioco. In Coppa Italia? La finale possibile è Atalanta-Lazio, ma non c’è nulla di scontato”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI