BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

60° Fiera dei Librai

Informazione Pubblicitaria

“Transiberiana. Viaggio nel mito”: 10mila chilometri di emozioni su rotaia

Il volume verrà presentato venerdì 26 aprile alle 19.30 nello Spazio Incontri della Fiera dei Librai sul Sentierone.

Un quarto all’incirca della circonferenza terrestre, avvolto nell’interminabile abbraccio di ben 10.000 chilometri di rotaie.

In corsa attraverso paesaggi in continua trasformazione, fra genti di tradizioni e culture diverse. Il tempo scandito da orologi e calendari che non ci sono più familiari. Questa è la Transiberiana, la ferrovia più lunga del mondo, ma prima ancora il mito stesso del viaggio. Foreste luminose di bianche betulle e boschi inquietanti di abeti scuri, candide distese di neve abbagliante e sperduti villaggi che sanno di fiaba, rare città custodi dei pochi brandelli di storia rimasti impigliati nelle maglie taglienti di squallidi altari elevati all’industria cieca e irresponsabile.

Dalla stazione di Kazanskij, a Mosca, sino al capolinea di Vladivostok, sul Mar del Giappone, attraverso Kazan, Ekaterinburg, Irkutsk, Omsk.
Uno sferragliare estenuante, accompagnato dal dondolio impresso dai milioni di traversine ormai centenarie, interrotto soltanto dal sommesso rumore di trolley sui marciapiedi e lungo le scale improbabili, durante soste di pochi minuti in stazioncine sperdute, dove lingue mai prima udite s’intrecciano e sfumano.

Volti e frammenti di vita che resteranno chiusi nel loro mistero e il viaggiatore curioso può solo sfiorare, rimanendone escluso. Ogni passo, ogni emozione di chi si fa nomade al pari di Chatwin è battito d’ala d’uccello che migra e insegue la propria inquietudine. E il viaggio diviene allora pellegrinaggio dell’Io, alla perenne ricerca di un nuovo porto verso il quale partire ma non mai fermarsi. Ecco dunque che gli spostamenti reali si fanno mito e gesto rituale, perché viaggiare è talvolta scelta di vita ed esperienza di fede.

Parafrasando il grande vagabondo britannico, le belle immagini del fotografo Bruno Ferri e i commenti dello scrittore Marco Carminati, insieme raccolti in questo volume, possono farsi prezioso viatico del ‘viaggiatore di sempre’, di colui cioè che sappia apprezzare un’ode sincera all’“altrove da qui” e all’“altro da me”.

Un libro, questo Transiberiana: viaggio nel mito, per quanti si facciano tentare dal desiderio del bello e del fascino dell’ignoto, che possono declinarsi tanto in luoghi geografici, quanto in dimensioni dello spirito.

transiberiana

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.