BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sul Sentierone c’è la Fiera dei Librai: inaugurata la 60a edizione fotogallery

Da sabato 20 aprile a domenica 5 maggio, un ricco palinsesto di eventi e ospiti: da Sgarbi a Cacciari, fino al premio Pulitzer Jhumpa Lahiri

Taglio del nastro alla Fiera dei Librai di Bergamo. Sabato 20 aprile è stata inaugurata la manifestazione – giunta alla sessantesima edizione – che animerà il Sentierone fino a domenica 5 maggio con un ricco palinsesto di eventi e ospiti: dal critico d’arte Vittorio Sgarbi al filosofo Massimo Cacciari, fino al premio Pulitzer Jhumpa Lahiri (leggi qui il programma).

“La Fiera dei librai di Bergamo è stata riconosciuta come la più antica d’Italia nel settore – ha detto in apertura Elena Fontana, presidente Confesercenti Bergamo -. Ci auspichiamo che questa manifestazione possa riconoscere ai nostri librai un notevole successo di pubblico come avvenuto negli anni scorsi, avvicinando il pubblico ai libri”.

Al suo fianco c’è l’assessore alla Cultura del Comune di Bergamo, Nadia Ghisalberti: “Sappiamo quanto l’indice di lettura di una comunità sia direttamente proporzionale all’indice di sviluppo sociale, e per questo ogni attività di promozione alla lettura deve essere favorita. Promuovere la lettura – aggiunge l’assessore – significa promuovere una maggior conoscenza. Bergamo è stata nominata ‘città che legge’ e lo deve alla Fiera dei Librai, al Premio Narrativa e al sistema bibliotecario”.

La fiera non è organizzata degli editori, bensì dai librai in prima persona. Proprio su questo aspetto ha posto l’accento il presidente della Provincia di Bergamo, Gianfranco Gafforelli: “Voglio fare un plauso alle librerie indipendenti della provincia, che facendo squadra hanno saputo reinventarsi e adattarsi, spesso addirittura anticipando alcune soluzioni del mercato librario”.

Presenti all’inaugurazione anche il candidato sindaco Giacomo Stucchi (Lega) che ha parlato di un evento che “dà lustro alla città”, lasciandosi anche andare a qualche consiglio di lettura per gli appassionati: “Il mio libro preferito? ‘Protocollo S’ di Umberto Saccone”, una sorta di manuale per gestire i sequestri, rivela l’ex presidente del Copasir.

Insieme a Stucchi gli assessori di Regione Lombardia Claudia Maria Terzi (“essere arrivati alla 60esima edizione la dice lunga sull’importanza della manifestazione e sull’organizzazione che Bergamo dedica a questi quindici giorni”) e Lara Magoni (“I sessant’anni sono un anniversario prezioso e sono orgogliosa del fatto che Bergamo sia prima in questa classifica. Questi giorni sono una grande opportunità per tutti: sfogliare un libro è meglio che toccare un touch screen”), oltre che il consigliere di Regione Lombardia Niccolò Carretta. Presenti anche i parlamentari bergamaschi Antonio Misiani ed Elena Carnevali (Pd) e il leghista Daniele Belotti.

Nel corso della mattinata è intervenuta anche Teresa Capezzuto dell’Ufficio Scolastico Territoriale “L’ufficio scolastico collabora con la fiera perché è un valore aggiunto che arricchisce l’offerta culturale della città, ma allo stesso tempo arricchisce quella formativa delle scuole”.

Prima dei saluti finali – affidati nuovamente alle parole di Elena Fontana – il libraio Antonio Terzi ha consegnato delle targhe commemorative alle persone che hanno permesso alla Fiera dei Librai di nascere, a ringraziamento del loro impegno e dell’aver creduto in una manifestazione che ora è diventata un caposaldo del panorama locale e nazionale.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.