Quantcast
Ubi Banca: Moratti presidente, vice Nicastro; approvato il dividendo - BergamoNews
L'assemblea

Ubi Banca: Moratti presidente, vice Nicastro; approvato il dividendo

Letizia Moratti è il nuovo presidente di Ubi Banca. Con il 98,9% è stata eletta alla guida del terzo gruppo bancario italiano

Alle 12.27 di venerdì 12 aprile Letizia Moratti è stata eletta presidente del Consiglio di Amministrazione di Ubi Banca.
Lo ha deciso il 98,9% dei 1.034 azionisti presenti alla Fiera di Bergamo per l’assemblea degli azionisti.

Ecco come sarà composto il Consiglio di Amministrazione:
Letizia Maria Brichetto Arnaboldi Moratti, presidente
Roberto Nicastro, vicepresidente
Victor Massiah
Ferruccio Dardanello
Pietro Gussalli Beretta
Silvia Fidanza
Paolo Bordogna
Osvaldo Ranica
Letizia Bellini Cavalletti
Paolo Boccardelli

I componenti Consiglio di Amministrazione e Comitato per il Controllo sulla Gestione sono: Alessandro Masetti Zannini; Alberto Carrara; Monica Regazzi; Francesca Culasso e Simona Pezzolo De Rossi.

L’assemblea dei soci ha deliberato anche il dividendo di 12 centesimi che sarà staccato il prossimo 20 maggio.

Ad aprire i lavori alle 9.30 è stato il presidente uscente Andrea Moltrasio, dopo 35 minuti nei quali non sono mancati appunti alle vicende giudiziarie e alla sua esperienza in questi anni ai vertici di Ubi, anche se ha rimarcato che la banca ha “subito una rivoluzione copernicana, non preoccupatevi avrete sempre i nostalgici che sono legati all’idea che la Terra è piatta”.

Moltrasio ha illustrato i passaggi vissuti in questi anni e i numeri che oggi descrivono la banca che ha chiuso il 2018 con un utile di 467 milioni di euro ed ha proposto di 12 centesimi ad azione, per un monte dividendi pari di 136 milioni, che l’assemblea ha approvato.

Victor Massiah ha annunciato un nuovo piano industriale che verrà presentato entro fine anno e ha dichiarato che sta lavorando perché l’utile 2019 sia migliore del 2018.

Diversi gli interventi che si sono susseguiti nel dibattito prima della votazione dell’unica lista presentata  dal Patto di consultazione che riunisce il sindacato Azionisti Ubi Banca, il Patto dei Mille e la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo. I tre raggruppamenti rappresentano 264 azionisti privati e istituzionali che detengono il 22,01% del capitale della banca.

Il fatto che Assofondi non abbia presentato nessuna lista è stata al centro del dibattito, rimarcato dagli interventi in particolare di Pietro Lonardi e Felice Corna. “Non essendoci nessuna lista di minoranza, alla banca manca una voce critica e costruttiva all’interno del consiglio di amministrazione” ha sottolineato Pietro Lonardi.

Moltrasio ha raccolto le osservazioni: “Condivido questa posizione, ma la maggioranza non può fare anche la parte della minoranza. Tocca a loro presentarsi e prendersi questo impegno”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
massiah moratti
Assemblea
Ubi, Massiah: “Sulle fusioni non abbiamo aperto alcun dossier”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI