BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tentata testata all’arbitro, 13 mesi di squalifica; la società: “Sanzione esagerata”

L’episodio si è verificato nel corso del derby tra le formazioni Juniores di Casazza e Val Cavallina. Il Casazza smentisce

Più informazioni su

“Tredici mesi di squalifica per aver tentato di dare una testata all’arbitro”: si leggono queste parole in un comunicato dell’Associazione Italiana Arbitri, ma la società del Casazza smentisce.

L’episodio si è verificato sabato 6 aprile nel corso del derby tra le formazioni Juniores di Casazza e Val Cavallina terminato a reti bianche.

Nel corso dell’incontro, in seguito a un fallo al limite dell’area, un difensore centrale del Casazza è stato espulso per doppio giallo.

“Quando ha visto il cartellino rosso – racconta il direttore sportivo del settore giovanile del Casazza, Maurizio Guariglia – il calciatore si è arrabbiato, ha perso le staffe insultando e offendendo il direttore di gara. Ma da qui a dire che avrebbe tentato di aggredirlo la situazione è ben diversa: il ragazzo non ha effettuato nessun tentativo per dare una testata all’arbitro. Noi dirigenti eravamo presenti alla partita e nessuno ha visto una scena del genere”.

Al termine del match l’allenatore del Casazza, Alessandro Gamba, si è recato nello spogliatoio del direttore di gara per porgergli le scuse in seguito a quanto accaduto in campo, ma l’arbitro ha respinto il tentativo di riappacificazione.

“Il nostro giocatore – prosegue il direttore sportivo – è stato e verrà ancora richiamato: queste cose non devono accadere. Nel corso di questa stagione gli arbitri, anche nelle partite della nostra prima squadra militante in Eccellenza, ci hanno tartassato. Manderemo una lettera all’Aia indicando che non è veritiero il fatto riportato nel loro comunicato sul tentativo di aggressione: questo per tutelare l’immagine del giocatore e della società Casazza”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.