BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Podebrady Race Walking, successo nella classifica a squadre per Nicole Colombi e Matteo Giupponi

La 23enne di Villa di Serio e il 30enne di Villa d'Almè hanno contribuito alla vittoria della nazionale italiana nel tradizionale appuntamento internazionale

Inizio di stagione fiducioso per Nicole Colombi e Matteo Giupponi che nel pomeriggio di sabato 6 aprile hanno contribuito al trionfo della nazionale italiana nella Podebrady Race Walking, tradizionale appuntamento per la marcia internazionale che ha visto gli azzurri imporsi nella classifica a squadre sia al maschile che al femminile.

La 23enne di Villa di Serio, reduce dal secondo posto nel Trofeo Ugo Frigerio, si è dimostrata ancora una volta in crescita e sul circuito ceco ha ottenuto la sesta posizione a 4’42” dalla connazionale Eleonora Giorgi, capace di distanziare lungo i 20 chilometri previsti tutte le avversarie e di fermare il cronometro con il tempo di 1h27’46”.

Per la marciatrice dell’Atletica Brescia 1950 si tratta di un risultato di spessore, tenendo in considerazione in particolare il tempo fatto segnare dalla bergamasca che con il crono di 1h32’28” ha migliorato la propria miglior prestazione personale di 1’11”.

In campo maschile ottimo ritorno in maglia azzurra per Matteo Giupponi (C.S. Carabinieri) che a Podebrady ritrova il sorriso grazie alla settima posizione finale.

Il 30enne di Villa d’Almè, che negli ultimi due anni ha dovuto convivere con alcuni problemi fisici, ha chiuso le proprie fatiche con in 1h21’52 riuscendo ad ottenere la quarta prestazione personale in carriera sulla distanza e la migliore dopo l’ottavo posto alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016.

In conclusione da segnalare anche il podio individuale per Gabriele Gamba (Atletica Riccardi Milano 1946) che conclude al terzo posto nella categoria allievi, mentre nella gara femminile non va oltre la ventunesima posizione la portacolori dell’Atletica Bergamo ’59 Martina Casiraghi.

Foto Graf/CAS

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.