Heineken di Comun Nuovo: preoccupazione per 60 lavoratori della logistica - BergamoNews
Clean service

Heineken di Comun Nuovo: preoccupazione per 60 lavoratori della logistica

I dubbi dei sindacati: a fine aprile scade il contratto e non si sa cosa accadrà

Poche certezze e grande preoccupazione per i lavoratori di Clean Service spa, società che gestisce la logistica all’interno dello stabilimento Heineken di Comun Nuovo: i circa 60 dipendenti che preparano i bancali di merce e caricano e scaricano i camion sanno che il 30 aprile è in scadenza il contratto di appalto che la società ha stipulato con la rinomata azienda di produzione di birra. Ma di cosa accadrà dopo nessuno sembra essere informato.

“Come di consueto in questo periodo dell’anno abbiamo chiesto un incontro a Clean Service spa per discutere del Premio in vista del picco di produzione estivo” spiegano Marco Sala della Filt-Cgil e Antonio Scaini di Fit-Cisl di Bergamo. “La società, però, ci ha risposto di non essere disponibile al confronto visto che a fine mese il suo contratto con Heineken scadrà. Non capiamo cosa stia accadendo. Per questo la preoccupazione aumenta col passare dei giorni: vorremmo al più presto sapere che destino avranno questi 60 lavoratori, avere garanzie rispetto alla conservazione dei loro posti di lavoro. Torniamo a chiedere un incontro a Clean Service e, se sarà necessario, coinvolgeremo la committenza. Non escludiamo l’avvio di una mobilitazione”.

leggi anche
  • Riorganizzazione
    Heineken annuncia 93 esuberi, interessato anche lo stabilimento di Comun Nuovo
    La Heineken a Comun Nuovo
  • Con nuovo
    Heineken, il Partito Democratico: “Vicini ai lavoratori, Governo apra tavolo di crisi”
    Heineken di Comun Nuovo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it