BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Filippo Berta vince la quinta edizione dell’Italian Council

Il progetto "one by one" dell'artista di Treviglio, che punta l’attenzione sull’idea di confine di Stato, vince un finanziamento dal Ministero dei Beni Culturali. L’esito del progetto sarà un’installazione ambientale composta da 7 proiezioni, 24 fotografie e 3 installazioni a muro alla GAMeC di Bergamo.

Contare le infinite spine dei fili spinati installati nel mondo. Da qui l’installazione ambientale “One by One” destinata alla Galleria Comunale d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo che ha permesso al bergamasco Filippo Berta di essere tra gli artisti vincitori della quinta edizione dell’Italian Council. L’iniziativa lanciata dalla Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane (DGAAP), del Ministero dei Beni Culturali, mira a promuovere la produzione, la conoscenza e la diffusione della cultura contemporanea italiana nel campo delle arti visive in Italia e all’estero.

Sono sei i progetti che hanno vinto la quinta edizione del bando promosso dal Ministero. Oltre a Berta gli altri vincitori sono Francesco Arena (classe 1978) per l’opera “Anello” concepita appositamente per il Palatino, Riccardo Benassi (classe 1982) per l’opera multimediale e polisensoriale “Morestalgia” destinata al Museion di Bolzano , Armin Linke (classe 1966) per “Immagini e testi – notazioni visive” destinato al Museo di Fotografia Contemporanea, Cinisello Balsamo, Antonio Rovaldi (classe 1975) per il progetto “End. words from the margins, New York City” per la Galleria Comunale d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo e Anita Sieff per la performance “Simposio sull’amore 2019” destinata nella sua forma video al Madre, Napoli.

Il progetto prevede il finanziamento di progetti presentati da musei, enti pubblici e privati non profit, istituti universitari, fondazioni e associazioni culturali, anche internazionali, con lo scopo di produrre opere d’arte italiane per incrementare le pubbliche collezioni.

Promosso da Nomas Foundation Onlus (Roma) in collaborazione con il Dipartimento Scienze Sociali – Sapienza Università di Roma e con numerosi partner internazionali, “One by One” del bergamasco Berta punta l’attenzione sull’idea di confine di Stato che rende l’altro, al di là di quello, diverso. L’artista invita gli abitanti che vivono in prossimità dei confini di alcuni Stati toccati dal problema del controllo delle frontiere a partecipare ad una performance particolare: contare le infinite spine dei fili spinati installati in Europa (Serbia, Croazia, Ungheria, Macedonia, Turchia, Grecia, Bulgaria), tra Corea del Sud e Corea del Nord, tra Messico e Stati Uniti. L’esito del progetto sarà un’installazione ambientale composta da 7 proiezioni, 24 fotografie e 3 installazioni a muro alla GAMeC di Bergamo. Il percorso a tappe dell’artista sarà seguito con un diario di bordo sui canali social dedicati.

Berta realizza da anni azioni artistiche che prevedono il coinvolgimento attivo di gruppi di persone. La dimensione collettiva delle sue performance genera situazioni e tensioni che si traducono in immagini di forte impatto visivo.

Sempre per l’Italian Council, il nuovo programma a sostegno della creatività italiana, sono stati stanziati 1,7 milioni di euro.

A partire da quest’anno, il bando sarà orientato in particolare a: incentivare lo sviluppo di talenti e la promozione internazionale di artisti, curatori e critici attraverso il finanziamento di progetti che riguardino la partecipazione a manifestazioni internazionali e residenze all’estero, la realizzazione di mostre monografiche presso istituzioni culturali straniere e progetti editoriali dedicati all’arte contemporanea italiana.
Incrementare le collezioni dei Musei pubblici mediante l’acquisizione o la produzione di opere di artisti italiani, anche in occasione di residenze e mostre.

Potranno presentare domanda di partecipazione a Italian Council: artisti, curatori, critici, musei, enti pubblici e privati senza scopo di lucro, istituti universitari, fondazioni, comitati formalmente costituiti e associazioni culturali no profit. Ogni progetto dovrà prevedere la collaborazione con realtà internazionali e/o una fase di promozione all’estero. Il finanziamento non potrà superare l’80% dell’importo totale, con un tetto massimo che varia in base alla tipologia dell’iniziativa presentata.

Per partecipare al nuovo bando è necessario registrarsi al sito http://www.aap.beniculturali.it/italiancouncil/ e compilare la domanda e i moduli allegati, fino alle
ore 12 del 27 maggio 2019.
Di seguito il link per leggere e scaricare il bando:
http://aap.beniculturali.it/italian-council-2019_NEW_2.html.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.