BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Giro di Sicilia, terza tappa da protagonista per il bergamasco Fausto Masnada

Il 25enne di Laxolo, all’attacco lungo la salita di Serra di Burgio, vestirà durante l’ultima tappa la maglia di miglior scalatore dopo esser balzato in testa nella classifica dei gran premi della montagna

Giornata all’attacco per Fausto Masnada che nel pomeriggio di venerdì 5 aprile è stato fra i protagonisti della terza tappa del Giro di Sicilia.

Sotto una pioggia incessante che ha accompagnato gli atleti da Caltanissetta a Ragusa, il 25enne di Laxolo ha animato con il compagno di squadra Mattia Cattaneo la parte finale della frazione allungando il gruppo lungo le pendici della salita di Serra di Burgio e lanciandosi a circa 23 chilometri dall’arrivo in un attacco solitario che gli ha permesso di conquistare il gran premio della montagna e di balzare così in testa nella classifica degli scalatori.

Dopo aver scollinato con circa 18 secondi di vantaggio, in discesa l’atleta dell’Androni Giocattoli-Sidermec ha dovuto desistere al rientro degli inseguitori, riuscendo però a rimanere nel gruppo dei migliori e a tagliare così la linea del traguardo in decima posizione a 56 secondi dall’americano Brandon McNulty (Rally UHC Cycling), capace di imporsi grazie a un allungo a circa 10 chilometri dall’arrivo.

“Oggi l’obiettivo era quello di provare a diventare leader della generale attaccando prima della salita finale – ha dichiarato nel dopo tappa Masnada -. Ci abbiamo provato insieme a Cattaneo ma mancava troppo all’arrivo. Domani ci riproveremo.”

Giornata in fuga anche per gli uomini del Team Colpack, con il soncinese Jalel Duranti che, in compagnia di altri cinque atleti, si è messo in luce grazie una lunga azione portata avanti nella prima parte di giornata durante la quale ha conquistato anche il traguardo volante di Comiso; mentre la sfortunata ha accompagnato Mattia Cattaneo e Filippo Zaccanti, con l’alzanese tagliato fuori dai giochi per il successo a causa di una scivolata a pochi chilometri da Ragusa e con il giovane portacolori del Nippo-Vini Fantini che è stato costretto a lasciare la corsa dopo soli cinque chilometri dal via a causa di una caduta nella quale ha subito la frattura della clavicola.

Per Fausto Masnada, che indossa ora la maglia verde pistacchio dedicata al leader della classifica dei G.P.M., si prospetta ora un’ultima frazione impegnativa che vedrà gli atleti affrontare i 20 chilometri della salita dell’Etna, un’ascesa probabilmente decisiva ai fini della classifica generale nella quale si potrebbero decidere le sorti della kermesse siciliana.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.