BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tutti gli assessori del PD in lista per Gori: “La più grande sfida? Porta Sud”

Sono in trentadue i componenti della squadra di cui dodici uscenti e venti nuovi: i nomi sono ancora segreti, ma verranno resi noti per metà aprile

Il Partito Democratico bergamasco è pronto a scendere in campo per le amministrative al fianco del sindaco uscente, Giorgio Gori. Sono in trentadue i componenti della squadra (equamente distribuiti tra uomini e donne) di cui dodici uscenti e venti nuovi: i nomi sono ancora segreti, ma verranno resi noti per metà aprile.

Quel che è certo è che sono uniti, compatti e desiderosi di poter bissare i cinque anni di amministrazione che stanno per concludersi. Tutti gli assessori uscenti, infatti, e quasi tutti i consiglieri (esclusi tre, Marta Cassina, Nicola Eynard e Paola Tognon che, per motivi personali, hanno deciso di non proseguire l’esperienza in consiglio) si ricandidano al fianco di Gori. 

Per non fermare il cambiamento, avanti insieme. Questo è lo slogan che accompagnerà i prossimi mesi di campagna elettorale – ha dichiarato il segretario provinciale del PD, Davide Casati, durante la presentazione della campagna– In questi cinque anni la Giunta Gori è stata compatta e unita, ed è stata la sua più grande forza. Ora vogliamo continuare, per riconfermare un modello di città alternativa”.

Partito democratico Bergamo

Orgoglio per il lavoro fatto, progetti per il futuro, unità e umiltà, sono le parole d’ordine che devono legare tutta la squadra: “Scendiamo in campo, ancora una volta, con l’obiettivo di portare avanti quel processo di innovazione e cambiamento che Gori ha iniziato 5 anni fa, quando è stato eletto. Bergamo oggi è una città più aperta, più internazionale, più attenta ai bisogni dei cittadini fragili. E vivere a Bergamo è più bello, per tutti e in tutti i quartieri. Siamo consapevoli che c’è ancora molto lavoro da fare e che ci sono alcune questioni difficili da gestire e problemi da risolvere, ma il grande lavoro di questi anni, un patrimonio di servizi, idee e progetti, non può andare sprecato”, ha spiegato Federico Pedersoli, segretario cittadino PD. 

Tante le questioni aperte e da risolvere, così come le sfide con cui confrontarsi. Al primo posto c’è il futuro di Porta Sud che include in sé molteplici progetti: “Si tratta di un progetto di portata storica e bisogna lavorare affinché la strada venga aperta. Certamente non basteranno cinque anni, ma bisogna pur iniziare”, ha commentato Sergio Gandi, vicesindaco di Bergamo.

Porta Sud, ma non solo. Anche potenziare le reti sociali, occuparsi del macro tema ambiente che include tanti aspetti, come quello della mobilità (“Sarebbe utile prendere esempio da città come Milano per istituire anche qui una sorta di Area C e per rivedere le piste ciclabili così da renderle più utilizzabili nei tragitti casa-lavoro”, ha dichiarato Marzia Marchesi, presidente del Consiglio Comunale e componente della segreteria provinciale PD) e, infine, il grande tema del welfare di comunità una città più giovane e vicina alle famiglie.

Tutti e trentadue passeranno i prossimi mesi in mezzo alla gente, per attuare un grosso lavoro basato sulla relazione per portare (o confermare) il voto al PD e a Gori per le imminenti comunali. 

Perché, dopotutto, un po’ di preoccupazione che le votazioni si allontanino dall’area di centrosinistra (visto il clima nazionale) c’è, specialmente da parte di alcuni quartieri che si lamentano su alcuni aspetti della Giunta Gori. Primo fra tutti, la questione dell’aeroporto.

“È vero, ci sono delle lamentele, ma non si può negare che questa Giunta abbia dato una spinta propulsiva a questa città che prima mancava. Bergamo era ferma e questa amministrazione l’ha messa in moto. Sono tante le cose che sono cambiate e i cittadini lo percepiscono”, ha commentato Ferruccio Rota, componente della segreteria provinciale PD

Al via, quindi, una campagna fatta con il sorriso che vuole trasmettere passione, positività e orgoglio per la propria città, “sorrisi, sì, ma siamo pronti anche ad essere combattivi e a tirare fuori le unghie per i nostri ideali”, ha voluto sottolineare Gandi.

“Tanta umanità e poca scena. Sarà una campagna di presenza che, in realtà, dura da cinque anni per creare insieme una città ancora più solidale, sicura e inclusiva e per affermare, giorno per giorno, i doveri di responsabilità civica che da sempre portiamo avanti”, ha commentato Massimiliano Serra, capogruppo PD in Comune.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.