BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Campionati italiani primaverili, medaglia d’argento per Francesca Fangio nei 200 metri rana

La 23enne livornese di stanza a Treviglio ha chiuso la propria gara alle spalle di Martina Carraro

È una medaglia d’argento che sa di beffa quella conquistata da Francesca Fangio nella sessantaseiesima edizione dei Campionati italiani primaverili di nuoto in corso a Riccione.

Nella serata di mercoledì 3 aprile la 23enne livornese di stanza a Treviglio ha concluso al secondo posto la gara dei 200 metri rana femminili con il tempo di 2’26”43, distante 47 centesimi dalla sorprendente Martina Carraro (G.S. Fiamme Azzurre).

Dopo aver fatto segnare il miglior crono nelle batterie della mattinata, in finale la nuotatrice dell’In Sport Rane Rosse, reduce dal quarto posto nei 100 metri rana, ha imposto sin dall’inizio un ritmo che le ha permesso di prendere il comando seguita dalla compagna di squadra Anna Pirovano.

Giunta in testa alla virata dei 150 metri, nell’ultima vasca Francesca Fangio ha subito la rimonta impetuosa della genovese che nei 50 metri conclusivi è riuscita a risalire dalla terza alla prima posizione, ottenendo così il secondo titolo in due giorni.

In campo maschile è bastato poco più di un secondo a separare Marco Belotti dal podio nella staffetta 4×200 metri: il 30enne di Trescore Balneario, schierato nel quartetto del Centro Sportivo Carabinieri in compagnia di Filippo Megli, Luca Dotto e Samuel Pizzetti, ha chiuso infatti la prova in quarta posizione alle spalle del Gruppo Sportivo Fiamme Oro, capace di superare durante l’ultima frazione la formazione guidata dall’atleta orobico.

In chiave bergamasca da segnalare anche il nono posto nei 200 metri stile libero della 20enne di Villa di Serio Sara Ongaro, che si è imposta nella finale B grazie a un’ottima progressione nell’ultima parte di gara, mentre si è conclusa in batteria la gara di Ambra Serena Valli (Sport Time ssd), trentesima nei 50 metri dorso.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.