BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Sofi’s pets news”, la rubrica di BGY dedicata agli amici a quattro zampe

La nuova rubrica ideata di Sofia, volontaria del canile di Colzate

Più informazioni su

“A fiery throng of muted angels , giving love and getting nothing back’”

La cantautrice Birdy usa queste parole nella sua canzone ‘’People help the people’’ che tradotte significano “Una schiera di angeli che da amore senza chiedere nulla in cambio”.
Mi piace pensare che questa canzone dedicata dalla cantante alle persone possa essere rivolta anche al mondo animale. Potremmo quindi cambiarne il titolo in ‘’Animals help the people’’

Vi starete chiedendo dove voglio arrivare con questa presentazione. Questo mio discorso è fatto per potervi parlare del mondo del canile, grazie, in particolare, alla mia esperienza al canile di Colzate.
Amore, bontà, gentilezza e forza di volontà sono le parole adatte a descrivere un luogo puro costituito da persone che non si arrendono di fronte alla prima difficoltà e che in ogni modo possibile cercano di dare una seconda opportunità ai cani che vengono abbandonati o maltrattati. Ho la fortuna di fare parte di questo gruppo e vi posso assicurare che fare qualcosa per gli animali che ne hanno passate di tutti i colori è gratificante e appagante.

Ovviamente in un mondo pieno di cose brutte e che a volte grida aiuto, ci sono diverse forme di volontariato a cui si può prendere parte. Il volontariato in canile è rivolto a chi ha una sensibilità ed empatia tale da poter capire che operare presso un posto così ricco di sfaccettature non significa solo andare a “coccolare gli animali”. Ci sono cani che hanno paura e che magari non vogliono essere nemmeno avvicinati. In quel momento il cane non va etichettato come “cattivo”. Sta poi al volontario ingegnarsi e darsi da fare per potersi guadagnare la fiducia dell’animale. I cani ci abbaiano in faccia le loro paure, dobbiamo essere noi a capire cosa poter fare.

Dedicarsi al canile è anche sinonimo di fatica perché alle volte passano mesi e mesi prima che un cane riesca a capire che tu sei li non per fargli del male, ma solo per offrirgli amore e affetto. I volontari del canile imparano a conoscere ogni singolo aspetto di ogni cane. Chi non mangia un determinato alimento, chi non può essere toccato in una determinata parte del corpo o chi ha bisogno di essere trattato con severità per poter essere rieducato.

Ci si opera anche per le adozioni e in questo caso si capisce come nulla venga lasciato al caso. Gli ipotetici nuovi padroni vengono riempiti di domande per poter capire che futura coppia uomo /animale poter creare. Come ho già infatti più volte sottolineato, ogni cane ha le proprie esigenze e l’obbiettivo è quello di poterlo collocare in un ambiente, oltre che pieno di amore, anche il più confortante e confortevole possibile.

Arrivati a questo punto possiamo riprendere il discorso iniziale. Infatti, nell’esatto istante in cui i cani abbassano le loro difese e capiscono di potersi fidare di te, danno amore senza chiedere nulla in cambio.

I più attenti dovrebbero aver notato che il titolo della canzone introduttiva, è stato da me cambiato in “Animals help the people’’ . ‘’Gli animali aiutano le persone ‘’, e non ‘’le persone aiutano gli animali ‘’. La mia scelta non è stata casuale, in quanto sento l’esigenza di sottolineare, come gli animali facciano bene al cuore e allevino i pesi che ci portiamo dentro. A volte, se non sempre, siamo noi a dovergli dire grazie.

Alcuni dicono che la riconoscenza è una malattia del cane non trasmissibile all’uomo.

Vi posso giurare che non è così perché noi volontari saremo grati a questi animali per tutta la vita.

‘’Il cane è un eterno Peter Pan, non invecchia mai , perciò è sempre disponile ad amare ed essere amato.”
-Aaron Katcher

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.