BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vittorio Feltri e il pesce d’aprile di Bgnews: “Io sindaco? Macché, sarei terrorizzato” video

Il noto giornalista bergamasco e direttore di Libero si è reso disponibile al nostro scherzo, ospitandoci nella sede milanese del quotidiano per dare vita ad un perfetto pesce d'aprile

Sì, dai, lo ammettiamo, stavamo scherzando. La candidatura a sindaco di Bergamo di Vittorio Feltri (leggi) è il nostro pesce d’aprile per voi.

Feltri

La possibilità di mischiare le carte e ribaltare il tavolo da gioco delle imminenti elezioni amministrative era troppo ghiotta per farcela sfuggire. Dopotutto sono stati mesi segnati da continui tentennamenti e indecisioni alla ricerca di un “anti-Gori” e non potevamo, quindi, non scherzare sul tema d’attualità più caldo in città.

Il noto giornalista bergamasco e direttore di Libero si è reso disponibile al nostro scherzo, ospitandoci nella sede milanese del quotidiano per dare vita ad un perfetto pesce d’aprile.

Un piccolo indizio, però, ve l’avevamo dato: il nome della lista, #bergamodamare, era stato scelto per farvi capire che c’era sotto qualcosa.

“Mi sono prestato volentieri a questo gioco – confessa Feltri – nella convinzione che Gori sia una persona di spirito, lo conosco abbastanza bene per saperlo, e farà di sicuro una risata. Altrettanto farà Stucchi: anche perché, quando l’ho invitato a desistere, mi veniva da ridere e ho trattenuto a fatica una sganasciata”.

Uno scherzo creato ad arte grazie alla complicità del direttore che, conclusa la parte “comica”, ha dato un giudizio personale sull’amministrazione uscente: “Penso benissimo dei cinque anni di Gori perché la città è stata migliorata, tenuta bene. In sostanza Gori ha proseguito lungo il percorso della conservazione delle bellezze di Bergamo che sono notevoli, nonostante i turisti ciabattoni che non fanno bene alla nostra città”.

La sua settimana è ormai da tempo spezzata tra Milano e Bergamo, dove passa il weekend nella sua casa a Ponteranica insieme agli affetti, ma per lui la città dei Mille rimane sempre un gioiello da preservare: “Certo, non si è mai lavorato abbastanza per migliorarla, ma se facciamo un confronto con altre città, la nostra è davvero un gioiello prezioso che non dobbiamo smettere di curare, rispettare e amare”.

Scherzi a parte, ma potrà mai esserci un Vittorio Feltri candidato a primo cittadino di Bergamo? “L’ultima cosa che potrei mai fare nella vita è il sindaco, anche perché sarei terrorizzato vista l’esperienza di molti altri sindaci che dopo tre settimane di prese incarico venivano raggiunti da un fiume di avvisi di garanzia. Di seccature ne ho anche facendo il direttore dei giornali, però ci ho fatto il callo e le sopporto”.

La partita, quindi, ora può riprendere il suo naturale corso con il confronto tra i quattro candidati (Gori, Stucchi, Anesa e Macario) che, di certo, non renderanno noiosi i prossimi due mesi di campagna elettorale.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.