BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuova stazione di ricarica per veicoli elettrici a Torre Boldone: “Paese sempre più green” fotogallery

Realizzata grazie alla collaborazione tra il Comune e l’azienda Ress Solar Srl, si trova in via Donizetti ed è in grado di ricaricare contemporaneamente due auto e due moto.

Più informazioni su

Torre Boldone diventa sempre più green. Nella mattinata di sabato 30 marzo è stata inaugurata una nuova stazione di ricarica per veicoli elettrici allestita in via Donizetti, nel parcheggio accanto alle scuole.

Realizzata grazie alla collaborazione tra il Comune e l’azienda Ress Solar Srl, leader nel settore delle energie rinnovabili, è in grado di ricaricare contemporaneamente due auto e due moto, e almeno per questo primo anno si potrà usare gratuitamente. Si tratta del terzo punto di ricarica presente in paese, aggiungendosi alle colonnine precedentemente installate vicino alla stazione Teb e a quella di via don Luigi Palazzolo, nei pressi del supermercato Conad.

Il sindaco Claudio Sessa ha affermato: “L’inaugurazione di questa nuova stazione di ricarica avviene a due settimane di distanza dal Friday for future, la manifestazione organizzata su scala mondiale con cui i giovani hanno invitato tutti quanti a porre l’attenzione sul riscaldamento globale e sulla salvaguardia del pianeta. È stata un’iniziativa importante, ma da sola non basta: bisogna mettersi in gioco in prima persona contro l’inquinamento. In questi anni Torre Boldone ha attuato tutta una serie di interventi per tutelare l’ambiente e la nuova colonnina è un altro passo verso questa direzione”.

L’obiettivo è favorire una mobilità green e un’attenzione all’ecosistema a vantaggio delle presenti e delle future generazioni, rappresentate dagli alunni delle classi quarte e quinte della scuola primaria che hanno preso parte alla cerimonia. Rivolgendosi in modo particolare a loro, l’assessore ai lavori pubblici, Nicola Gherardi ha evidenziato: “È molto bello vedere che a questo evento hanno partecipato anche tanti bambini, perché sono loro i primi destinatari che devono imparare e ricevere questa cultura verde. Ringrazio particolarmente Ress Solar perché il Comune stava portando avanti il progetto della colonnina da quattro anni con non poche difficoltà soprattutto in termini di finanziamenti perché non li abbiamo mai ottenuti, ma nel 2018 la situazione si è sbloccata grazie a questa azienda che ha sostenuto tutte le spese e ci ha dato la possibilità di averle sul nostro territorio. E spero che non sia l’ultima, perché l’idea è quella di effettuare altri interventi simili in futuro, per esempio inserendola anche all’interno della zona industriale”.

L’allestimento della stazione di ricarica rientra in una progettualità più ampia. L’assessore Gherardi prosegue: “A Torre Boldone da una decina d’anni abbiamo promosso molteplici azioni per diffondere una cultura del verde. Penso, per esempio, alle quattro pompe di calore di cui abbiamo dotato le scuole per altrettanti impianti di efficientamento energetico, spendendo quasi un milione di euro insieme alla regione. Altro intervento è stata la collocazione della casetta dell’acqua, presente ormai da anni in paese, che secondo i dati di fine 2018 ha permesso di risparmiare 800mila bottiglie di plastica che corrispondono a 250 tonnellate di anidride carbonica non immesse nell’atmosfera. Ancora, abbiamo rifatto i cappotti delle scuole, modificato gli infissi anche della scuola dell’infanzia e stimolato la viabilità dolce attraverso la realizzazione di piste ciclabili, ampliato le zone verdi e recuperato quelle abbandonate, dato vita al bosco urbano, modificato l’illuminazione pubblica adoperando il led e vorremmo proseguire intervenendo sull’illuminazione interna degli edifici pubblici. Inoltre, abbiamo promosso l’acquisto di biciclette elettriche, dotato la polizia locale di mezzi ibridi e collocato nella piazza del mercato degli alimentatori a corrente che gli ambulanti possono usare al posto dei tradizionali e più inquinanti generatori a diesel o a benzina”.

Il sindaco Sessa ha aggiunto che “il Parco Avventura ha lanciato la campagna “plastic free” decidendo di non usare bottiglie di plastica per risparmiare anidride carbonica. Si tratta di una scelta precisa e spero che anche altri possano seguire il suo esempio.

Gianluigi Piccinini, presidente di Ress Solar, ha dichiarato: “Inauguriamo la nuova colonnina che rientra in un progetto denominato Green line, nell’ambito del quale ne abbiamo installate 31 in 19 Comuni della provincia di Bergamo ed entro fine anno secondo i programmi dovrebbero diventare un centinaio. Il 15 marzo siamo stati tra gli organizzatori del Friday for future, che a Bergamo ha coinvolto oltre 4mila ragazzi scesi in piazza per manifestare contro il cambiamento climatico e oggi è una gioia vedere la presenza di tanti bambini. È una bella giornata di sole, ma è un sole tropicale che sta continuando da novembre e porta a gravi problemi. Noi adulti abbiamo contribuito a rendere complicato l’ambiente e a distruggerlo, ma il pianeta è delle nuove generazioni, perché il futuro è loro ed è straordinario vederli in questa iniziativa”.

Alessandro Grazioli del Gruppo Assimoco Terzo Settore ed Ethical Consumers, che ha sottolineato: “La nostra compagnia assicurativa, che è la prima in Italia ad aver ottenuto la certificazione B Corp perchè con la sua attività genera profitto ma è anche attenta alla sostenibilità, al rispetto dell’ecosistema e delle persone, vuole essere sempre più vicina a chi si prende cura dell’ambiente come questa amministrazione comunale, l’azienda Ress Soler e tutti i consumatori etici”.

Prima di procedere con il tradizionale taglio del nastro, sono intervenuti Eugenio Garavaglia e Silvia Bugini, marito e moglie, che insieme formano la famiglia GaraBugi. Entrambi sin dall’uscita delle prime auto elettriche hanno creduto nel loro utilizzo e così hanno raccontato la propria esperienza: “Siamo una famiglia normale che, come tutte le altre, è formata da consumatori. Siamo qui per testimoniare che usare auto elettriche per i propri spostamenti quotidiani è possibile. Abbiamo acquistato la nostra prima macchina elettrica nel 2013 e ora abbiamo abolito quelle con motore a scoppio: adoperarle ogni giorno è diventato automatico, anche a casa abbiamo una colonnina e basta abituarsi a ricaricare la propria auto quando si torna a casa la sera come si fa con il cellulare. Ad ora abbiamo percorso 200mila km senza avere alcun problema, inoltre nel medio-lungo periodo consentono di risparmiare perchè non si paga il bollo, hanno un’assicurazione agevolata e necessitano di poca manutenzione”.

Infine, per spiegare la motivazione alla base della loro scelta, i GaraBugi hanno concluso: “Non abbiamo un altro pianeta: ognuno deve fare la sua parte e siamo convinti che la nostra scelta permetta di adottare uno stile di vita più rispettoso dell’ambiente e delle persone”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.