Ristrutturazione dell’ex-caserma Montelungo, si perfeziona l'accordo tra Comune e Università - BergamoNews
Bergamo

Ristrutturazione dell’ex-caserma Montelungo, si perfeziona l’accordo tra Comune e Università fotogallery

Gli accordi raggiunti tra Università e Comune verranno ora sottoposti al Collegio di Vigilanza per l’attuazione dell’Accordo di Programma, già convocato per il prossimo 15 aprile, per la necessaria revisione dello stesso Accordo di Programma.

Il tema degli extra-costi emersi durante la progettazione esecutiva della ristrutturazione dell’ex-caserma Montelungo sono stati oggetto nel corso della giornata di venerdì 29 marzo di due incontri tra il Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo professor Remo Morzenti Pellegrini e il Sindaco di Bergamo Giorgio Gori, oltre che di un approfondimento tecnico tra l’Assessore Francesco Valesini e il professor Paolo Riva.

La variazione di costo, che ammonta a 5,75 milioni di euro rispetto ad un’iniziale stima di 23 milioni di euro, è dovuta: per 1.37 milioni di euro alla richiesta di più aule da parte dell’Università; per 510 mila euro a prescrizioni della Soprintendenza; per 370 mila euro all’adeguamento normativo intervenuto sull’invarianza idraulica; e per 3,475 milioni di euro all’integrazione di opere strutturali, a sua volta in gran parte dovuta ai princìpi di progettazione, esecuzione e collaudo delle costruzioni in cemento armato introdotti dal decreto 17 gennaio 2018, relativi alle prestazioni che gli edifici devono raggiungere in termini di resistenza meccanica e di stabilità.

Verificata la comune volontà di portare a compimento il progetto, che l’Amministrazione comunale e l’Università ritengono di grande valore strategico per la città, sono state prese in considerazione diverse opzioni per far sì che l’opera possa risultare ancora sostenibile per i bilanci dell’Università di Bergamo, impegnata secondo l’Accordo di Programma a farsi carico dell’acquisto dell’immobile e della sua ristrutturazione. Tra queste anche la possibilità di completare il progetto della residenza universitaria – dove l’Università è comunque orientata a rivedere la richiesta di aule aggiuntive per avere a disposizione più posti letto – spostando in altra sede la realizzazione del nuovo Centro Universitario Sportivo, con un formale impegno dell’Università a farsene carico.

A questa ipotesi è stata, infine, preferita la soluzione avanzata dal Comune di Bergamo, disponibile a sostenere l’investimento per la realizzazione del Centro Sportivo – previsto come struttura ipogea nella grande corte della caserma Montelungo, con una previsione di costi pari a 8,3 milioni di euro – per assicurare la realizzazione del progetto nella sua interezza, ferma restando la disponibilità del Comune a condividere con l’Università le scelte più opportune in ordine alla futura proprietà del Centro Sportivo e alle sue modalità di gestione, che verranno in ogni caso regolate da un’apposita convenzione tra i due Enti.

Gli accordi raggiunti tra Università e Comune verranno ora sottoposti al Collegio di Vigilanza per l’attuazione dell’Accordo di Programma, già convocato per il prossimo 15 aprile, per la necessaria revisione dello stesso Accordo di Programma. Nella stessa occasione si concretizzerà l’adesione all’Accordo di Programma da parte di Regione Lombardia, che per la realizzazione della residenza universitaria alla Montelungo ha recentemente stanziato un contributo di 10 milioni di euro.

leggi anche
  • L'accordo
    Ex caserme Montelungo e Colleoni, la Regione entra nella partita con l’Università
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it