BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il cantiere 2.0: Whistle, la startup di tre giovani bergamaschi per l’edilizia del futuro

La piattaforma digitale lanciata dai tre giovani di Bariano punta a migliorare il lavoro del settore edile

Tre amici, un’idea, un progetto pronto a spiccare il volo. Whistle srl è una startup innovativa nata nel 2016 da un’intuizione di Marco Carminati – 31 anni, 10 dei quali passati in cantiere – poi sviluppata con la collaborazione di Alessandro Coti – 32 anni, con un’esperienza in Apple – e Daniele Grisa – 30 anni, manager nell’attività di famiglia -.

Tre amici, appunto, tutti e tre bergamaschi di Bariano che hanno deciso di buttarsi in questa nuova avventura pensata per lo sviluppo digitale del settore edile.

Perché questo progetto? Perché proprio per il settore edile? Due i motivi principali: “L’assenza di un software in grado di mettere in connessione tutti gli attori del processo produttivo – ci spiega Alessandro Coti – e la difficoltà culturale delle persone rispetto all’utilizzo degli strumenti digitali, che caratterizza proprio il reparto operativo edile”.

I tre amici hanno quindi studiato una piattaforma online che fosse un aggregato di funzionalità per migliorare il lavoro di quelle aziende che si dividono tra studio e cantiere.

“Così è nata l’idea di WhistlePRO – racconta Coti -, un software semplice, dedicato al settore, che si propone come la soluzione ai problemi di organizzazione e che permette a tutto il mondo edile di utilizzare un prodotto digitale per migliorare la produttività”.

La startup è nata ufficialmente nel 2016, ma solo dal febbraio scorso il software è diventato operativo: “La versione attuale è un prototipo – precisa Coti -, sarà gratuita per tutto il periodo della beta e stiamo già lavorando alla versione 2.0”.

Whistle

Tre le funzioni principali che WhistlePRO mette a disposizione dei clienti: una parte dedicata alla gestione di progetti; una parte commerce per proposte, offerte e richieste aperte a tutte le aziende del settore; una parte per comunicazione/social. In questo modo la piattaforma online permette di gestire i principali aspetti della propria attività, dando l’opportunità ad ogni dipendente dell’azienda di essere partecipe ed avere sempre a portata di mano le informazioni necessarie allo svolgimento dei lavori.

Con WhistlePRO, insomma, sarà possibile gestire il personale e includere nei progetti i responsabili di altre aziende. I clienti di Whistle potranno comunicare, salvare file, creare richieste di offerta di materiale a diversi fornitori, oppure semplicemente gestire le attività da svolgere e assegnarle al proprio personale.

“La digitalizzazione del settore edile – spiega ancora Alessandro Coti – non è più una strategia necessaria ma un dovere evolutivo, una necessità improrogabile. Il settore ha bisogno di uno strumento di facile utilizzo che consenta a tutti gli attori coinvolti di essere partecipanti attivi di ogni passaggio produttivo. WhistlePRO, insomma, è la soluzione al problema della digitalizzazione del settore costruzioni”.

www.whistlepro.it

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.