Vendita abusiva di frutta: maxi multa e merce donata ai poveri - BergamoNews
A lallio

Vendita abusiva di frutta: maxi multa e merce donata ai poveri

Sanzione da tremila euro al commerciante e 43 cassette consegnate dagli agenti della Locale all’associazione Società San Vincenzo De Paoli Onlus

Vendeva frutta in modo abusivo lungo la strada statale 525, a Lallio. Un commerciante 27enne è stato pizzicato dagli agenti della polizia locale con la sua bancarella colma di frutta e verdura. Carciofi, fragole, meloni, arance e limoni, che vendeva agli automobilisti in transito. Senza, però, alcun permesso.

I poliziotti sono intervenuti e gli hanno elevato una contravvenzione di circa tremila euro. La merce, 43 cassette in totale è stata sequestrata essendo deperibile è stata consegnata all’associazione Società San Vincenzo De Paoli Onlus, conferenza di Lallio, che in queste ore sta provvedendo alla distribuzione alle persone bisognose.

“Vivissimi complimenti agli agenti di polizia locale e agli operatori intervenuti con profondo spirito di squadra – le parole di ringraziamento del sindaco di Lallio, Massimo Mastromattei – È stato raggiunto un importante risultato nella tutela dei piccoli commercianti al dettaglio regolari, che trovano negli abusivi la concorrenza sleale, e della sicurezza stradale di coloro che percorrono la Statale 525”.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it