BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Di notte ruba bancali fuori dalle aziende: preso dopo averne sottratti 300

Per una somma complessiva di oltre 3.000 euro

Nel pomeriggio di giovedì, i carabinieri della stazione di Alzano Lombardo, a conclusione di una prolungata attività d’indagine, hanno arrestato un uomo, 67 anni del posto, già noto per reati contro il patrimonio, riconosciuto responsabile di almeno 12 furti compiuti ai danni di aziende locali.

l’indagine è scaturita da un controllo notturno effettuato dai militari lo scorso luglio, quando, nel fermare l’uomo alla guida di un furgone, lo hanno trovato in possesso di diversi bancali Epal, che sono stati prontamente sottoposti a sequestro vista la loro dubbia provenienza e la mancanza di giustificazioni da parte del conducente del mezzo.

Le successive indagini, sviluppate anche con appositi pedinamenti, hanno permesso di ricostruire l’attività delittuosa del 67enne, il quale di notte era solito accedere nelle aree esterne di diverse ditte della provincia di Bergamo, in particolare nelle zone di Alzano Lombardo, Osio Sotto, Zogno, Pedrengo, Seriate ed Albano Sant’Alessandro, per impossessarsi di numerosi bancali che, successivamente, vendeva – apparentemente in modo regolare – a una ditta di Grassobbio.

In totale, nel corso dei 12 episodi accertati, l’uomo ha sottratto oltre 300 bancali, per una somma complessiva di oltre 3.000 euro. Ora si trova agli arresti domiciliari.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.