La risposta

Stucchi: “Sostengo la famiglia naturale”; Anesa: “Perché continuare a discriminare?”

Dopo la dichiarazione di Stucchi di sostenere e portare avanti la famiglia naturale e di volerla tutelare con politiche mirate, il candidato del Movimento 5 Stelle, Nicholas Anesa, ha voluto rispondere

Con l’ufficializzazione dei tre candidati per le elezioni comunali che decideranno il nuovo sindaco di Bergamo, si dà anche il via al botta e risposta tra gli esponenti dei diversi partiti in campo per la conquista della poltrona di Palazzo Frizzoni.

Alla presentazione alla stampa dalla sua candidatura, Giacomo Stucchi (Lega e centrodestra) ha esposto le linee del suo programma e preso posizioni chiare sul congresso delle famiglie a Verona di fine mese, definito “un evento internazionale contro le donne, contro gay, lesbiche e trans e contro le libere soggettività per sostenere un’unica famiglia, quella naturale”, come scrivono i gruppi contro la manifestazione.

Dopo la dichiarazione di Stucchi di sostenere e portare avanti la famiglia naturale e di volerla tutelare con politiche mirate, il candidato del Movimento 5 Stelle, Nicholas Anesa, ha voluto rispondere.

Omosessuale, insieme al compagno da 14 anni e con una bambina di quasi due (nata con l’utero in affitto), si domanda: “Perché la nostra famiglia deve essere discriminata? Io non giudico le famiglie di nessuno, e allora perché la mia deve essere giudicata?”

“Trovo assurdo che siamo ancora a parlare di queste cose con gente che si pone sempre su un livello più alto – ha continuato Anesa – Se Stucchi diventerà sindaco, deve ricordarsi che sarà sindaco di tutti, non solo di quella fetta di popolazione che piace a lui. E a Bergamo c’è anche la mia famiglia e lui sarebbe anche il sindaco di questa famiglia. Non trovo corretto che una persona che ricopre questa posizione dica queste cose, perché deve ricordarsi di tutti i suoi cittadini. Passa il messaggio che è giusto dividere le persone per gruppi e decidono loro quale gruppo vale più di altri e quale gruppo è autorizzato a decidere e a criticare gli altri. Ma siamo tutti allo stesso livello, perché è così difficile far passare questo messaggio? Basta tutto questo odio.”

E, riguardo al convegno a Verona, afferma: “Queste persone non ci conoscono e questo li rende ignoranti: il passo dall’ignoranza alla paura è breve e così facendo ci vedono come il demonio. Basterebbe conoscerci per capire che non bisogna proprio combattere niente. Mi fa paura il messaggio che vogliono far passare e noi abbiamo il dovere di tutelare le nuove generazioni.”

“Voglio dire ai giovani di portare avanti messaggi di tolleranza e uguaglianza. Bergamo è pronta, aperta ad andare avanti, grazie a tutti i suoi studenti universitari e la vicinanza con l’aeroporto che ci rende poli culturali”, ha concluso Anesa.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Stucchi lega
Verso il voto
Quartieri, famiglia naturale, 5 liste: Stucchi e il centrodestra “Semplicemente Bergamo”
Nicholas Anesa
Il candidato 5 stelle
Anesa in campo: “Vorrei Bergamo città del mondo, via il traffico e 3 zone movida”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI