BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ortofrutta

Informazione Pubblicitaria

Tempo di carote, versatili e salutari: per voi la ricetta della torta della nonna foto

Sulla piazza è iniziata l'offerta del raccolto novello siciliano, con diversi fornitori che possono fregiarsi del marchio IGP in quanto rispettano particolari procedure nella coltivazione di questa verdura.

Mangiate abitualmente le carote? Questi ortaggi, ricchi di proprietà per la salute e il benessere dell’organismo, sono il prodotto della settimana al mercato ortofrutticolo bergamasco.

Sulla piazza è iniziata l’offerta del raccolto novello siciliano, con diversi fornitori che possono fregiarsi del marchio IGP in quanto rispettano particolari procedure nella coltivazione di questa verdura. Oltre alla merce originaria dalla Sicilia, che si contraddistingue per freschezza e miglior qualità, è possibile ancora trovare quella proveniente dall’Italia centrale.

Sono una buona fonte di fibre, sali minerali (potassio, ferro, calcio, fosforo, sodio e magnesio) e vitamine (C, D, E, B2 e B6). Grazie alla loro composizione, sono alleate in caso di gastrite e ulcera: hanno un ruolo fondamentale nella protezione dello stomaco, ne rinforzano e impermeabilizzano le pareti difendendolo dai microorganismi nocivi. Inoltre, mangiare abitualmente carote aiuta il corpo a tonificare il fegato rigenerandone le cellule; e spesso vengono consumate nei casi di indigestioni, coliche e problemi epatici.

Ma non è tutto. Contribuiscono a equilibrare la flora intestinale, svolgono un’azione rimineralizzante e sono indicate sia in caso di dissenteria perché assorbono molta acqua sia in caso di stitichezza perché aumentano il volume delle feci. Altra virtù riconosciuta a questo ortaggio è la capacità di agire sui sistemi di disintossicazione stimolando la produzione di urina e l’eliminazione di tossine e scorie con la tonificazione dei reni. Sono dei grossi contenitori di antiossidanti e di antinfiammatori e per questo riescono a proteggere il cuore e il sistema cardiocircolatorio, a prevenire l’arteriosclerosi e l’invecchiamento, oltre ad aiutare a innalzare il livello di emoglobina nel sangue. Secondo alcune ricerche, infine, hanno effetti benefici per la vista: sarebbero capaci di prevenire diversi problemi e disturbi agli occhi. Altri studi attribuirebbero alle carote la capacità di abbassare i livelli di colesterolo.

In cucina vengono consumate cotte o crude, in insalata, condite con olio extravergine d’oliva oppure centrifugate. È possibile utilizzarle per primi piatti, come risotto, pastasciutta, minestre o vellutate, per accompagnare secondi di carne o pesce, o per farcire gustose torte salate.

Dando uno sguardo più in generale al mercato ortofrutticolo, si nota che l’attenzione dei consumatori comincia a indirizzarsi verso prodotti tipicamente primaverili anche se la nuova stagione non è ancora entrata nel vivo.

Tra gli agrumi, per le arance si nota un rallentamento dei consumi: la campagna volge al termine, mentre freschezza e qualità nella massa iniziano a peccare come è fisiologico che sia. È analoga la situazione per le clementine: per chi volesse mangiarle la sola varietà reperibile è la Orri, con origine israeliana o spagnola. Allo stesso modo, sta ultimando l’annata dei mandarini siciliani: si denota una contrazione dell’offerta di questi frutti ma considerando che le richieste si allineano all’offerta non si verificano rincari. Sono stabili, invece, i valori di mercato e la qualità dei limoni.

Si evidenzia una domanda particolarmente vivace di fragole, spingendo le quotazioni verso l’alto. Tra la merce reperibile spiccano la Candonga e la Melissa della Basilicata oltre a varietà comuni siciliane.

Calano i prezzi delle pere William vendute contro stagione per effetto di approvvigionamenti dal Sudafrica e dall’Argentina.

Passando al comparto orticolo, sta ultimando il periodo dei carciofi sardi sia dal punto di vista qualitativo sia quantitativo, mentre comincia l’offerta del più pregiato prodotto ligure. I volumi che si possono trovare sono inferiori rispetto a quelli della Sardegna e quindi i prezzi si attestano entro livelli più sostenuti.

Altra novità sono fave e piselli freschi provenienti dall’Italia centro-meridionale, ben selezionati e di qualità.

Persistono condizioni vantaggiose per acquistare il pomodoro ciliegino e gli spinaci, questi ultimi provenienti quasi esclusivamente dalla produzione locale.

Sono in leggera diminuzione i prezzi delle zucchine, di cui c’è una buona disponibilità e le più pregiate rimangono quelle di Fondi, nel Lazio.

Arrivano i primi asparagi nazionali, con origine pugliese,siciliana e campana: in quest’ultimo caso i valori di mercato sono inferiori a fronte di una merce che al momento è meno selezionata rispetto all’altra.

Per concludere, con l’avvicinarsi della bella stagione, continua ad aumentare l’offerta dei produttori locali, come insalata a cespo (catalogna Gentile e Romana), prezzemolo ed erbette.

LA RICETTA DELLA SETTIMANA

torta carote

TORTA DI CAROTE DELLA NONNA (dalle Ricette della nonna)

Ingredienti
300 gr di farina 00
100 gr di mandorle pelate
150 gr di zucchero semolato
250 gr di carote
3 uova
100 ml di olio di semi
1 bustina di vanillina
1 bustina di lievito per dolci (16 gr)

Come preparare la torta di carote soffice

Pulite e grattugiate finemente le carote o, se preferite fare più velocemente, tritatele con un mixer. Frullate le mandorle fino a ridurle a farina.

Per evitare che la torta rimanga troppo liquida, passate le carote con un colino schiacciandole prima di metterle nell’impasto: si toglierà, così l’acqua!

In una terrina montate le uova con lo zucchero fino ad ottenere una bella crema chiara e spumosa.

Aggiungete pian piano, tutti gli ingredienti. Iniziate con le carote e l’olio, quindi proseguite con la farina setacciata, il lievito anch’esso setacciato, la farina di mandorle e la vanillina.

Amalgamate per bene, quindi versate l’impasto in una teglia di circa 22 cm precedentemente imburrata e infarinata.

Cuocete in forno a 180° per 40 minuti circa.

Sfornate la torta di carote e fatela intiepidire prima di sformarla e servirla.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.