BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Oltre 6 milioni per Foppolo e Valleve: “Schiaffo per noi paesi virtuosi”

I fondi statali per la tutela del territorio destinati ai soli Comuni dissestati. I due paesi dell'alta valle sono fortemente indebitati e alle prese con una lunga serie di vicissitudini giudiziarie

Oltre 6 milioni di euro di fondi per Foppolo e Valleve. Sono quelli statali per la tutela del territorio, destinati ai soli Comuni dissestati: 3,3 milioni per Foppolo e 3 per Valleve, fortemente indebitati e alle prese con una lunga serie di vicissitudini giudiziarie dopo l’inchiesta della procura sugli impianti da sci.

La notizia non può che far piacere ai commissari dei due Comuni dell’alta Valbrembana, che con i fondi realizzeranno paravalanghe e potranno sistemare le strade. Dall’altra parte, le amministrazioni escluse chiedono la revisione dei criteri di assegnazione.

“Questo è un sonoro ceffone a tutti quegli amministratori che con passione e dedizione, ogni giorno, lavorano con impegno, sacrificio e nel rispetto delle regole – commenta il sindaco di Olmo al Brembo, Carmelo Goglio – a quelli che con onestà fanno rinunce per osservare le leggi e mantenere bilanci comunali in equilibrio, in ordine e nel rispetto delle tante normative. Una logica di finanziamento perversa, già nata male e confermata da questo Governo”.

“Un anno fa i parlamentari della Lega sbraitavano contro il governo di centrosinistra per la norma (sbagliata, sono il primo a dirlo!) che premia i comuni in disavanzo, promettendo pubblicamente che l’avrebbero cambiata. Bastava una norma in legge di bilancio per eliminare gli stanziamenti negli anni successivi. È passato un anno e nulla è accaduto – aggiunge il senatore bergamasco del Pd, Antonio Misiani -. L’impegno non è stato mantenuto e oggi il silenzio della Lega è veramente assordante. Come ci chiedono i sindaci di ogni colore politico, proviamo insieme in Parlamento a cambiare almeno quella”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.