BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gasperini suona la carica: “Battiamo la Samp per sfatare la tradizione”

Con la Doria due ko nelle ultime trasferte. Atalanta a Genova senza Toloi, confermato Gollini. L'allenatore: "Per me il problema portiere non esiste".

Gioca Gollini: è l’unica ‘rivelazione’ che Gian Piero Gasperini fa sulla formazione alla vigilia della sfida con la Sampdoria, oltre alla conferma che Toloi ancora non è a disposizione, come del resto contro la Fiorentina. Per il resto la squadra dovrebbe essere quella scesa in campo contro i viola, con Palomino al posto di Masiello in difesa.

Conferenza stampa abbastanza breve, la testa di tutti è già a Genova, dove Gasperini vuole battere anche la tradizione: la sua Atalanta ha perso gli ultimi due confronti (2-1 alla prima trasferta di Gasp in nerazzurro il 28 agosto 2016, gol di Kessie, Quagliarella su rigore e Barreto e 3-1 il 15 ottobre 2017, gol di Cristante, Zapata, Caprari e Linetty).

È un nuovo scontro diretto per l’Europa, con risultati che potevano essere migliori almeno a Torino col Toro: “Infatti, è uno scontro diretto, abbiamo ancora un piccolo vantaggio, dopo Milan, Torino e Fiorentina incontriamo un’altra squadra per giocarci l’ultimo posto per l’Europa, se teniamo conto di come stanno andando le milanesi… Ce la giochiamo con le altre ed è un po’ una gara a eliminazione. Dobbiamo dare continuità a quel che di buono abbiamo fatto con la Fiorentina. E dopo il Chievo faremo il punto, a dieci giornate dalla fine”.

Con la Fiorentina l’Atalanta ha giocato molto bene: “La condizione c’è, è un buon momento, poi come sempre parlano i risultati e anche gli altri hanno alti e bassi… C’è molta alternanza di risultati nel gruppo delle squadre che corrono per l’Europa”.

A Genova contro la Sampdoria c’è una tradizione negativa da superare. “Vediamo, abbiamo fatto anche buone gare con la Samp e poi ci è andata male nel risultato e siamo stati sconfitti. Loro sono sempre competitivi… Però vogliamo vincere, anche per sfatare la tradizione”.

Loro hanno Quagliarella: “Sicuramente i gol di Quagliarella alzano il valore della prestazione, come del resto vale per noi con i gol di Zapata. E poi entrambe le squadre hanno anche altre soluzioni, c’è stato un momento in cui se non segnava Zapata facevamo gol con i difensori”.

Infine la spiegazione sul dilemma portiere. Gasp conferma l’ex Verona e Aston Villa (aveva giocato anche all’andata contro la Samp) e spiega: “Gollini gioca. Ma non hanno mai fatto una partita uno e poi l’altro, hanno sempre avuto la possibilità di giocare un certo numero di partite, magari Berisha qualcuna di più ma non faccio statistiche. Tutte le squadre della Serie A ormai hanno due portieri che più o meno si equivalgono e vale anche per i nostri, Berisha che è un po’ più esperto e continuo, mentre Gollini giovane e con buone qualità. Ma il problema portiere per me non esiste”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.