BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Oltre il Colle, animali tenuti in cattive condizioni: multa da 27mila euro per un agricoltore

L'operazione dei carabinieri forestali della stazione di Sedrina

I carabinieri forestali della stazione di Sedrina negli ultimi mesi, partendo da una segnalazione di un cittadino e da un esposto della Lav che hanno riferito e documentato la presenza di un agnello morto nella zona della pozza per abbeverata estiva di animali da pascolo, hanno iniziato un’indagine a Oltre il Colle che ha consentito di denunciare un imprenditore agricolo per detenzione di animali da reddito in condizioni incompatibili con la loro natura.

Secondo le forze dell’ordine le cattive condizioni in cui venivano tenuti gli animali ha causato la morte di otto capi di bestiame (cinque bovini e tre ovini). Alcuni di questi sono anche stati interrati illegalmente.

Dagli accertamenti è emerso che l’imprenditore agricolo non disponeva per i propri animali da reddito (25 bovini, 10 asini, 31 pecore e 17 capre) di idonee strutture di ricovero: gli animali, quando provvisti di stalle, erano costretti a vivere in locali angusti e privi delle minime garanzie igienico sanitarie.

Con l’intervento dei veterinari dell’Ats di Bergamo è stato poi constatato come in alcuni casi l’assenza di una struttura di riparo avesse messo a rischio la loro stessa sopravvivenza: su alcuni ovini sono state riscontrate ferite riconducibili ad attacchi subiti da predatori carnivori mentre su uno dei vitelli è stata riscontrata una ferita attribuibile ad attacco di roditori.

Per i capi deceduti ed illegalmente interrati i militari hanno richiesto il disotterramento delle carcasse ed il successivo smaltimento secondo quanto previsto dalla normativa vigente.

A tutela degli animali sopravvissuti i carabinieri forestali hanno invece provveduto all’affidamento a terzi a seguito dopo accordo di vendita, mentre i restanti capi sono stati consegnati alla madre dell’agricoltore che si occuperà di garantirne lo stato di benessere nel rispetto delle prescrizioni tecniche fornite dai veterinari intervenuti.

Infine all’agricoltore che ha mancato di osservare gli obblighi della gestione del pascolo nonché le norme in materia di smaltimento delle carcasse, sono state emesse sanzioni amministrative per un totale di circa 27mila euro.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.