Quantcast
Industria meccanica: male la fine del 2018; Bergamo in parte in controtendenza - BergamoNews
Indagine federmeccanica

Industria meccanica: male la fine del 2018; Bergamo in parte in controtendenza

Anche se il comparto siderurgico nel quarto trimestre del 2018 registra una frenata a Bergamo come a livello nazionale

Si è svolta a Roma, all’Hotel Nazionale, la presentazione dei risultati dell’Indagine congiunturale di Federmeccanica sull’Industria Metalmeccanica, giunta alla sua 149ª edizione. Una presentazione che, ogni tre mesi, vede protagonisti anche i territori in un evento “corale”, per far conoscere il peso, l’andamento del settore e le iniziative delle sezioni metalmeccaniche ‐ meccatroniche, consolidando così la consapevolezza del valore prodotto dalla nostra Industria e dei valori diffusi dalle Imprese.

I dati relativi all’andamento del comparto metalmeccanico, rivelano che la produzione industriale nella parte finale del 2018 ha evidenziato un significativo peggioramento dopo tre trimestri, comunque, caratterizzati da una fase di sostanziale stagnazione. In particolare nel periodo ottobre‐dicembre l’attività metalmeccanica ha registrato una caduta dell’1,0% rispetto al trimestre estivo e una variazione tendenziale ridottasi al +0,8% dopo un primo semestre dell’anno che evidenziava ancora tassi di crescita oscillanti intorno ai 4,5 punti percentuali. Mediamente nel 2018 i volumi di produzione, grazie ai trascinamenti positivi acquisiti nell’ultima parte del 2017, sono risultati in crescita del 2,8%.

“Il significativo peggioramento dell’Industria Metalmeccanica italiana ‐ ha dichiarato Fabio Astori, vice presidente di Federmeccanica – risulta in parte imputabile a un rallentamento della dinamica esportativa ma ancor più alla contrazione della domanda interna e in particolare di quella relativa agli investimenti in macchine e attrezzature di cui le imprese metalmeccaniche sono produttori quasi esclusivi. Gli attuali volumi di produzione sono, inoltre, inferiori del 23,5% rispetto al periodo pre‐recessivo. Le imprese prevedono, inoltre, per la prima parte del 2019, una stagnazione dei volumi di produzione sia nel loro complesso sia per le quote da indirizzare ai mercati esteri”.

Le esportazioni metalmeccaniche hanno registrato nel corso dell’anno un significativo rallentamento con tassi tendenziali di crescita ridottisi dal +6,5% del quarto trimestre del 2017 al +0,8% dell’ultimo trimestre del 2018. Mediamente nell’anno, le esportazioni metalmeccaniche sono cresciute del 2,5% rispetto all’anno precedente evidenziando una flessione dell’1,0% verso i paesi terzi e un incremento del 5,4% verso l’area comunitaria che sta però mostrando una dinamica dell’attività produttiva in contrazione che è stata particolarmente rilevante per la Germania verso cui esportiamo circa il 14% dei flussi di produzione indirizzati ai mercati esteri. Nell’anno, le esportazioni metalmeccaniche sono state pari a 222 miliardi di euro, le importazioni hanno raggiunto i 170 miliardi con un saldo attivo pari a 52 miliardi confermandosi sugli stessi livelli del 2017.

Per quanto attiene le prospettive a breve, l’indagine Federmeccanica condotta presso un campione d’imprese associate, indicano una sostanziale debolezza della congiuntura settoriale. Prevale una diffusa valutazione di eccedenza delle scorte di materie prime e di prodotti finiti rispetto ai volumi di produzione attesi. Diminuiscono le consistenze del portafoglio ordini e peggiorano nel contempo i giudizi che le imprese esprimono sugli ordini acquisti. In tema di competenze, dalle indagini precedenti è risultato che il 48% delle aziende metalmeccaniche ha difficoltà a reperire personale specializzato. A questo si aggiunge il fatto che un’azienda su 5 si dichiara non soddisfatta delle competenze del personale assunto. Tutto ciò evidenzia ancora una volta un marcato scollamento tra le conoscenze acquisite nel percorso di istruzione e le competenze che servono alle imprese.

A Bergamo la produzione industriale, come evidenziato dalla recente indagine congiunturale della Camera di Commercio relativa al quarto trimestre 2018, ha fatto registrare nei comparti della metalmeccanica/meccatronica valori difformi: se da un lato siderurgia e mezzi di trasporto sono caratterizzati da una netta diminuzione (rispettivamente -14,6% e -1,7% rispetto allo stesso trimestre 2017), la meccanica registra un ottimo +4,5% rispetto allo stesso trimestre 2017.

Per quanto riguarda il campione delle aziende rispondenti all’indagine Federmeccanica, il gruppo delle bergamasche segnala una produzione, riferita al quarto trimestre 2018, in crescita nel 33% dei casi e in diminuzione nel 12% dei casi, mentre la maggior parte delle risposte (55% del totale) non segnala scostamenti. Nel complesso, comunque, l’andamento è leggermente migliore rispetto a quanto evidenziato tre mesi fa e superiore al dato nazionale, dove il 30% degli imprenditori segnala un aumento, il 25% un calo e il 45% una produzione senza scostamenti. Il portafoglio ordini, sempre riferito al quarto trimestre 2018, vive però un leggero ribasso: prevalgono leggermente gli imprenditori che evidenziano una diminuzione rispetto a quelli che evidenziano aumenti (22% contro 20%), mentre la maggioranza (58%) non indica scostamenti. Anche in questo caso la tendenza nazionale è simile, ma nel complesso meno positiva: il 29% delle risposte segnala un calo, il 27% un aumento e la quota di chi è stabile scende al 44%.

Le aspettative di produzione per il primo trimestre del 2019, sempre in riferimento al campione bergamasco dell’indagine di Federmeccanica, sono all’insegna di una sostanziale stabilità, soprattutto nella componente della domanda dall’estero, ritenuta stagnante, in ciò confermando il dato della Camera di Commercio, dal quale emergevano valori non incoraggianti (saldo zero per siderurgia e mezzi di trasporto e saldo -6% per il comparto meccanico).

“Questi dati – sottolinea Giorgio Donadoni, presidente del Gruppo Meccatronici di Confindustria Bergamo – confermano che siamo in una fase di stabilità caratterizzata però dall’approssimarsi di una congiuntura complessivamente difficile e per qualche comparto negativa. Una situazione certo più complicata di qualche tempo fa, dove a maggior ragione possono fare la differenza le innovazioni di prodotto. Sto pensando, ad esempio, allo sviluppo di sistemi che combinano elementi meccanici ed elettronici, verso i quali è possibile che alcune imprese effettuino riconversioni mirate. Inoltre sarà importante valorizzare l’innovazione di processo, stimolata dal programma Industria 4.0, che purtroppo la legge di bilancio per il 2019 non agevola pienamente, a motivo dell’eliminazione della formula del superammortamento e di altre modifiche restrittive”.

Queste nuove sfide, prosegue Donadoni “rendono sempre più attuali gli investimenti nella formazione, sia per il personale già in forze, che deve essere aiutato ad acquisire nuove competenze, sia per i giovani in entrata: non dimentichiamo che anche nel nostro comparto si verificherà un’accelerazione dell’uscite, grazie ai nuovi requisiti pensionistici di ‘quota 100’ che andrà adeguatamente compensata. Non penso solo alla formazione continua. Occorrono anche interventi organizzativi, che favoriscano un proficuo scambio tra le competenze cosiddette abilitanti dei lavoratori giovani/neoassunti e l’esperienza dei lavoratori anziani/prossimi al pensionamento. Serve un reverse mentoring ossia una formazione bilaterale reciprocamente valorizzante. Il futuro dell’industria manifatturiera incontrerà forti cambiamenti, con innovazioni che saranno non solo tecnologiche ed economiche ma anche regolative, normative e culturali. Queste tre ultime sono innovazioni della sfera sociale, necessarie per favorire l’evoluzione verso un’impresa olistica. Gli sforzi in questa direzione, che presuppongono anche un cambiamento culturale nella gestione del personale, includono la formazione trasversale (24h) che coinvolge tutte le maestranze come previsto dall’accordo dei metalmeccanici e un sistema di welfare pensato per il lavoratore coerente con il nostro tempo. Queste azioni determineranno un’importante evoluzione della quale beneficeranno i lavoratori e l’impresa quale soggetto unico. È pertanto opportuno continuare nella diffusione di queste importanti iniziative di formazione continua e di welfare aziendale che può prevedere, nella fornitura dei servizi, anche le aziende del terzo settore, per esprimere così una maggiore responsabilità sociale d’impresa. Molte aziende della nostra provincia hanno inteso abbracciare questa nuova filosofia come ad esempio, Comac, Fonderie M. Mazzucconi, Mollificio S. Ambrogio e Aesys (per la formazione continua su argomenti diversi come 231,GDPR, nutrizione, ergonomia, formazione di benvenuto e per il welfare aziendale, con ad esempio servizi di baby taxi, carnevale kid, servizi per la salute e per la terza età)”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI