Su facebook

“Napoletani di m.”: bufera per il post del dirigente della Blu Basket Treviglio

Dopo aver alzato il polverone, Massimo Gritti si è scusato. La Lega Nazionale Pallacanestro invoca un'inchiesta

“Che cosa pretendono di ricevere sti napoletani di merda in giro per l’Italia”. Una frase di dubbio gusto, ancor più se a pronunciarla, o meglio a scriverla, è un dirigente di una società sportiva. Autore del post tanto discusso Massimo Gritti, dirigente della Blu Basket di Treviglio, formazione di serie A-2.

A spingere Gritti a pubblicare quelle parole è stato il match calcistico tra Juventus e Napoli di domenica 3 marzo finito col punteggio di 2 a 1 a favore della formazione bianconera. Proprio un episodio dubbio legato al difensore partenopeo Koulibaly ha scatenato il dirigente della Blu Basket, che di getto ha espresso il suo parere su Facebook: “A Milano Koulibaly viene fischiato e viene giù il mondo – ha postato Gritti – Stasera lo stesso giocatore rifila un calcione davanti al guardalinee a Dybala e addirittura non restituiscono il pallone. Che cosa pretendono di ricevere sti napoletani di mxxxa in giro per l’Italia”.

La frase contro i napoletani ha presto fatto il giro del web, tanto da arrivare all’attenzione dei vertici della Lega Nazionale Pallacanestro, che ha rilasciato una nota ufficiale sul proprio sito internet in cui condannava il gesto e richiamava il direttore sportivo della società di basket: “In riferimento al post pubblicato ieri sulla sua pagina personale Facebook dal direttore sportivo della Blu Basket Treviglio, Sig. Massimo Gritti, il presidente di LNP Pietro Basciano, con il supporto del Direttivo formato dai rappresentanti delle Associate di Serie A2 e Serie B, ritiene quanto espresso di massima gravità, nonché inaccettabile, da chi ricopre una carica ufficiale all’interno di un organigramma di una qualunque società sportiva. Ed è tenuto, per ruolo, a propagandarne i valori più sani, tra questi certamente quelli dell’integrazione e rispetto dell’uomo. Con la presente, Lega Nazionale Pallacanestro, pur nel massimo rispetto dell’autonomia organizzativa dei Club, chiede alla Blu Basket Treviglio un’attenta valutazione di quanto accaduto. Che ha avuto nel mondo dei Media un eco che sicuramente non è destinato ad esaurirsi in breve, portando grave danno a quanti ne vengono toccati. A partire, come siamo certi, dalla stessa Blu Basket Treviglio. LNP invita inoltre gli organi competenti in materia ad attivarsi, nell’ambito del mandato istituzionale di indagine”.

Dopo aver alzato il polverone, Gritti è corso immediatamente ai ripari, cancellando il posto incriminato e scrivendone un’altro in cui chiedeva scusa per quanto accaduto: “Inizio subito chiedendo scusa senza alibi e senza giustificazioni per quanto ho scritto su questa piattaforma social. Lo faccio perchè so di aver sbagliato nei modi e nei termini e soprattutto di aver scritto ‘di pancia’, da tifoso juventino, come in un qualsiasi bar sport, una frase che, riletta, non corrisponde al mio pensiero né ai miei sentimenti verso il popolo napoletano di cui, anche di recente, ho potuto apprezzare l’inestimabile e sincera ospitalità”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI