BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Per anni maltratta la moglie anche davanti al figlio: 38enne allontanato da casa

La donna, che soffriva di stati d'ansia, si è decisa a denunciare l'uomo anche grazie al supporto del Centro Antiviolenza

I carabinieri di Treviglio hanno dato esecuzione alla misura cautelare applicativa dell’allontanamento dalla casa familiare con il contestuale divieto di avvicinamento nei confronti di un 38enne rumeno. I fatti in questione si sono verificati a Caravaggio ed andavano avanti da tempo, anche se dalla fine del 2018 si erano particolarmente aggravati, secondo in particolare la contestazione della Procura della Repubblica di Bergamo a firma del pm Gianluigi Dettori.

Il provvedimento della Magistratura di Bergamo, eseguito dai militari di Caravaggio, competente per territorio, parla di “insulti, di minacce ed anche di percosse, posti in essere reiteratamente dall’uomo nei confronti della moglie, una sua connazionale, il tutto anche in presenza del figlio di soli pochi anni”.

Secondo le forze dell’ordine ci sarebbero state minacce di morte, insulti e percosse attuate dall’uomo contro la consorte, rendendo quindi la convivenza in casa sempre più problematica, al punto tale da provocare un vero e proprio stato di ansia, terrore e paura.

Stando alla denuncia fatta, la donna temeva per la sua incolumità e non solo, anche perché il marito, ostinatamente, non voleva divorziare da lei. Dopo aver sopportato per tempo, nell’ultimo periodo la vittima aveva però deciso fortunatamente di denunciare il tutto, sostenuta tra l’altro adeguatamente dai propri familiari e da alcuni amici, andando tra l’altro via di casa.

Fondamentale, ancora una volta, il ruolo socio-assistenziale e di supporto dei Centri Antiviolenza del territorio e dei servizi sociali, per accompagnare appunto il percorso della donna.

È quindi stata emessa l’ordinanza cautelare da parte del gip del Tribunale di Bergamo che ha determinato l’epilogo e la fine dell’incubo per la donna.

L’uomo sarà sottoposto ad interrogatorio di garanzia in ordine alla contestazione penale di maltrattamenti in famiglia pluriaggravati.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.