Quantcast
Primarie del PD, dove, quando, come si vota a Bergamo e in provincia - BergamoNews
Domenica 3 marzo

Primarie del PD, dove, quando, come si vota a Bergamo e in provincia

Nei 106 seggi allestiti in Bergamasca, i cittadini sono chiamati a esprimere la loro preferenza tra i candidati: Maurizio Martina, Nicola Zingaretti e Roberto Giachetti

Ci siamo. Oggi, domenica 3 marzo, dalle ore 8 alle 20, i sostenitori del Partito Democratico andranno alle urne per eleggere il nuovo segretario nazionale. Nei 106 seggi allestiti in Bergamasca, i cittadini sono chiamati a esprimere la loro preferenza tra i candidati: Maurizio MartinaNicola Zingaretti e Roberto Giachetti, ciascuno con la propria lista collegata di rappresentanti locali per l’assemblea nazionale (LEGGI QUI)

Zingaretti, Martina e Giachetti sono infatti risultati i candidati più votati dagli iscritti al Partito Democratico che hanno votato nei circoli pd nelle ultime settimane in occasione della prima fase del Congresso Pd (LEGGI QUI: Bergamo, circoli PD: Martina vince su Zingaretti).

Chi sono i candidati?

nicola zingaretti

Governatore del Lazio per due mandati, Nicola Zingaretti, 52 anni, può vantare la maggiore esperienza in campo amministrativo dopo essere stato anche presidente della provincia di Roma: proviene dalla sinistra del partito, è un ex dirigente dei Democratici di Sinistra (DS) ed è sostenuto dall’area oggi guidata da Andrea Orlando di cui un tempo faceva parte anche Pier Luigi Bersani. Le sue posizioni non radicali gli consentono l’appoggio anche della parte più moderata e centrista del partito che fa riferimento a Dario Franceschini e Paolo Gentiloni. LEGGI QUI LA SUA MOZIONE

maurizio martina

Maurizio Martina, 40enne bergamasco, ex ministro delle politiche agricole e segretario Lombardo del Pd, ha avuto il compito di traghettare il Partito Democratico dopo le dimissioni da segretario di Matteo Renzi dal 7 luglio al 17 novembre 2018. Politicamente cresciuto nella sinistra giovanile e nei Ds è stato Consigliere della Regione Lombardia, oggi deputato, è uno dei promotori della nascita della nuova corrente all’interno del PD “Sinistra è cambiamento”. LEGGI QUI LA SUA MOZIONE

roberto giachetti

Membro del Partito Democratico e del Partito Radicale Transnazionale, Roberto Giachetti ha una lunga storia di militanza politica. Romano classe 1961, fino dagli anni ’80 ha la tessera del Partito Radicale per poi aderire ai Verdi. Già capo di gabinetto di Francesco Rutelli sindaco di Roma, segue Rutelli nei Democratici e poi nella Margherita con cui viene eletto per la prima volta alla Camera dei Deputati. Viene confermato alle elezioni politiche del 2006 nelle liste dell’Ulivo e alle elezioni politiche del 2008 nelle liste del Partito Democratico dove entra come sostenitore di Walter Veltroni. Nel 2016 ha perso al ballottaggio la sfida con Virginia Raggi per l’elezione a sindaco di Roma. LEGGI QUI LA SUA MOZIONE

Come si vota?

Per votare è necessario presentarsi al seggio per le primarie con un documento di identità valido, la propria tessera elettorale e un contributo di 2 euro destinato direttamente al territorio.

Chi può votare?

I cittadini italiani che abbiano compiuto 16 anni e i cittadini dell`UE e di altri Paesi con permesso di soggiorno che dichiarino “di riconoscersi nella proposta politica del partito democratico” e accettino di registrarsi all’albo pubblico degli elettori del PD.

Dove si vota?

In provincia di Bergamo si vota in totale in 106 seggi: ciascun elettore deve votare nel seggio competente per il proprio comune di residenza. TROVA QUI IL TUO SEGGIO.

leggi anche
primarie pd
A bergamo 106 seggi
Primarie Pd, l’appello trasversale dei candidati: “Partecipate al voto”
Davide Casati
Il segretario provinciale
Davide Casati, i giovani e il Pd: “Perché la politica è bella e utile”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it