Dal Kuwait a Val Brembilla: il Padiglione Expo aperto in anteprima per carnevale - BergamoNews
L'anteprima

Dal Kuwait a Val Brembilla: il Padiglione Expo aperto in anteprima per carnevale

Domenica 3 marzo, in occasione del carnevale a Val Brembilla, sarà possibile vedere il piano terra e il piazzale esterno del cantiere dell’ex padiglione Expo 2015, punto di partenza e di arrivo della sfilata in maschera.

Dal Kuwait fino a Val Brembilla, passando per Milano. Questo il viaggio della struttura in vetro e acciaio che, presentata a Expo 2015, è stata smantellata a fine manifestazione e acquistata dal Comune di Val Brembilla per circa 130 mila euro.

Dai resti del padiglione del Kuwait è stata costruita una “factory”, progettata dall’architetto milanese Italo Rota e definita nel progetto esecutivo dallo studio tecnico Moioli di Nembro.

Una struttura che potrà essere ammirata in parte domenica 3 marzo, in occasione della sfilata di carnevale, che partirà alle 14 proprio dal piazzale del Padiglione, proseguendo fino a Cadelfoglia e ritorno al piano terra dell’edificio, dove si terrà la festa, con giochi, musica, rinfresco e premiazione della maschera più bella.

“Un luogo di concezione moderna sulle cui vetrate si specchia il paese ed il suo campanile in particolare” – osserva il sindaco Damiano Zambelli. “Come se la natura e la tradizione del paese volessero mostrarsi per essere proiettate nel futuro di Val Brembilla”. Una struttura, collocata nella zona del cosiddetto “piazzale Toti”, tra i due ponti in via Donizetti e via Capodat che “vuole rappresentare il passato e soprattutto il futuro di Val Brembilla”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it