BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Primarie Pd, l’appello trasversale dei candidati: “Partecipate al voto”

Dai rappresentanti orobici delle tre mozioni (Martina, Zingaretti e Giachetti) l'invito al voto per chi si riconosce nel centrosinistra e soprattutto per i giovani

Tutto pronto a Bergamo per le primarie del Partito Democratico in programma domenica 3 marzo. Nei 106 seggi allestiti in provincia, dalle 8 alle 20, i cittadini sono chiamati a esprimere la loro preferenza tra i candidati alla segreteria nazionale Maurizio Martina, Nicola Zingaretti e Roberto Giachetti, ciascuno con la propria lista collegata di rappresentanti locali per l’assemblea nazionale.

“Si tratta di un evento straordinario di partecipazione – dichiara il segretario provinciale Davide Casati – che a oggi solo il PD è in grado di mettere in campo a livello nazionale. Un appuntamento che sarà determinante per il futuro, perché chiunque sarà il segretario saprà dare le linee per costruire l’Italia di domani e il nuovo corso che ci porterà ad essere da opposizione ad alternativa. Un’alternativa a questa alleanza di governo giallo verde che non è adatta a guidare il Paese e sta seminando un clima di odio sociale che siamo determinati a contrastare”. Con lo sguardo rivolto all’Europa perché, conclude Casati, “sono i temi europei a segnare lo spartiacque per il futuro”.

“Vogliamo un PD che dia rappresentanza ai territori e torni ad avere l’ambizione del cambiamento, senza rinnegare la nostra esperienza al Governo” spiega Gigi Marchesi, portavoce della mozione Martina.

“Davanti le persone e non le correnti” è il messaggio di Filippo Schwamenthal che sostiene Zingaretti mentre Renato Sarli, rappresentante della mozione Giachetti, mette l’accento sulla netta presa di posizione del candidato a non aprire ad alleanze “ne con chi ci ha disprezzato ne con chi ha fatto male al PD”.

Trasversale l’appello al voto di domenica “che rivolgiamo – dice Casati – a tutti coloro che si riconoscono nei valori del centrosinistra”. Nessuno si sbilancia sui numeri ma l’auspicio è che ci sia una buona partecipazione giovanile “perché – conclude Gabriele Giudici dei giovani democratici – queste sono primarie per l’Italia. Andiamo a votare per ricostruire qualcosa che sia in antitesi a ciò che sta facendo questo governo, che non solo non investe sui giovani ma anzi taglia risorse su scuola e università”.

Nella foto: da sinistra Filippo Schwamenthal, Gigi Marchesi, Renato Sarli e Davide Casati

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.