BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Firenze, l’autista del secondo bus: “Pullman fermato dalla polizia, non dai tifosi” foto

Massimiliano Dieni è anche il titolare della agenzia dei mezzi pubblici utilizzati: "Non sono stati i bergamaschi a far fermare l'autobus"

“Non sono stati i tifosi dell’Atalanta a far fermare il primo pullman del cordone. È stata la polizia”. Massimiliano Dieni, 42enne milanese titolare dell’agenzia Travel World di Pioltello che ha messo a disposizione dei tifosi bergamaschi quattro mezzi per raggiungere Firenze per il match Fiorentina-Atalanta, era alla guida del secondo autobus, subito dietro quello al centro del “caso” e che pure appartiene alla sua “flotta”.

Gli attimi concitati che hanno portato ai disordini di cui tanto si sta parlando – e dei quali la ricostruzione non è ancora del tutto chiara -, se li ricorda piuttosto bene.

Giovedì mattina, 28 febbraio, Dieni peraltro è stato sentito dalla Questura di Bergamo: “Ho raccontato quello che ho visto – spiega -, che da quell’autobus non è sceso alcun tifoso dell’Atalanta e che, al contrario, il mezzo è stato fermato dalle forze dell’ordine che sono poi salite. Cosa sia successo sul pullman, dopo, me l’ha raccontato il collega che era alla guida: gli agenti hanno usato il manganello per picchiare quelli che gli capitavano a tiro”.

E commenta: “Da tempo porto i tifosi in giro per l’Italia, e una cosa così non l’avevo mai vista”.

Pullman devastato

A Dieni è poi toccata la conta dei danni: “Il pullman sul quale si sono verificati gli scontri – ci conferma non certo contento – è stato letteralmente devastato, ci sono almeno 8mila euro di danni che ora qualcuno mi dovrà risarcire. Ci penserà il mio avvocato”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.