BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fontana e Gallone (FI): “Cittadini bergamaschi beffati pagano due volte il diritto alla giustizia”

I parlamentari bergamaschi sulla decisione di Palafrizzoni di rivalersi nei confronti del Ministero della Giustizia, per i quasi 6 milioni di Euro delle spese anticipate per il funzionamento degli uffici giudiziari

“Abbiamo presentato un’interrogazione per avere chiarezza da parte del Governo riguardo alla paradossale situazione relativa al debito, che il Ministero della Giustizia deve al Comune di Bergamo, per le spese che quest’ultimo ha anticipato per garantire il funzionamento del Tribunale”. È quanto dichiarano i parlamentari bergamaschi di Forza Italia Gregorio Fontana e Alessandra Gallone, in merito alla decisione del Comune di Bergamo di rivalersi nei confronti del Ministero della Giustizia, per i quasi 6 milioni di Euro delle spese anticipate dal Comune per garantire il funzionamento degli uffici giudiziari (leggi qui).

“Forza Italia aveva già posto il problema nel 2016, quando da una nostra interrogazione al Ministro Orlando si era evidenziata la perdita del rimborso per 1,4 milioni di Euro da parte del Ministero, sottolineando l’assurda situazione per i cittadini di Bergamo, costretti da un lato a subire la quotidiana inefficienza della giustizia causata in gran parte dalle carenze della macchina organizzativa ministeriale, e dall’altro a pagare due volte un servizio che dovrebbe essere garantito dallo Stato”, scrivono Fontana e Gallone.

“Era poi emerso già nel corso del 2017 che il Ministero della Giustizia, allora era al Governo il centrosinistra, riconosceva al Comune di Bergamo solo 1.827.125 euro dei 5.761.983 Euro dovuti, addirittura in 30 anni, poco più di 60 mila euro l’anno. Inspiegabilmente solo oggi l’amministrazione comunale di Bergamo, per cercare di far tornare i conti, cerca di rivalersi attraverso un’azione legale nei confronti del Ministero per avere indietro i 6 milioni anticipati”.

Forza Italia “chiede chiarezza su questa vicenda e sollecita il Governo a modificare le scelte sbagliate del precedente esecutivo, che rappresentano, oltre che un grave danno, anche una vera e propria beffa per la comunità di Bergamo”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.