BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Negozi storici, sì alla nuova legge regionale: a Bergamo sono 121

Fra le misure di sostegno inserite nella legge si prevedono incentivi, agevolazioni e possibili sgravi fiscali

Riconoscere, valorizzare e sostenere le imprese storiche commerciali e artigianali: è questo l’obiettivo della nuova legge sulla “valorizzazione delle attività storiche di tradizione” approvata all’unanimità dal Consiglio Regionale.

Il provvedimento, promosso dal governatore Attilio Fontana di concerto con l’assessore allo sviluppo economico Alessandro Martinazzoli, sancisce a livello legislativo la rilevanza del patrimonio delle attività storiche e di tradizione delle 1756 imprese lombarde inserite a partire dal 2009 nel registro regionale, fra le quali 121 situate in provincia di Bergamo.

Fra le misure di sostegno inserite nella legge si prevedono incentivi, agevolazioni e possibili sgravi fiscali per i quali sono stati stanziati 900.000 euro nel triennio 2019 – 2021 e 2,5 milioni di spese d’investimento previste per l’anno 2021; misure che, secondo alcune stime, potrebbero riguardare anche altre 3.000 imprese storiche che potrebbero presentare richiesta di riconoscimento.

“Giusto e doveroso difendere la nostra tradizione – spiega Fontana -. Ringrazio dunque il Consiglio per aver approvato un provvedimento mirato a salvaguardare la passione, l’impegno e la grande energia con cui alcuni commercianti, artigiani e piccoli imprenditori lavorano ogni giorno per tutelare e valorizzare il grande grande patrimonio delle attività storiche. La Lombardia ha un grande merito: quello di saper coniugare l’importanza della tradizione all’innovazione restando sempre al passo con i tempi”.

“Un provvedimento fondamentale che attraverso la valorizzazione delle attività e dei luoghi storici del commercio, incluse le botteghe artigiane, contribuisce a rafforzare la competitività e l’attrattiva turistica di Regione Lombardia – aggiunge Lara Magoni, assessore al turismo, marketing territoriale e moda-. È questo un percorso che riconosce a livello legislativo il sostegno alle tradizioni e al ‘saper fare’ tipico della nostra regione”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.