BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dopo il concorso annullato, ripetuto il test e cambio al vertice della commissione d’esame

In 70 alla nuova prova pre-selettiva. Lo scorso mese 9 candidati idonei su 102

Si è svolto mercoledì 20 febbraio il nuovo test preselettivo del concorso bandito dall’Unione dei Comuni Almé e Villa d’Almé, riguardante l’assunzione di due istruttori amministrativi a tempo pieno e indeterminato.

Il 21 gennaio si erano presentati in 102, ma soltanto in 9 lo avevano superato (leggi qui). Ieri nella sala consiliare del Comune di Villa d’Almé erano in circa 70.

Il fatto che solo un decimo dei candidati avesse superato il test aveva spinto il segretario dell’Unione Enrico Comazzi ad annullare l’esito. Nel provvedimento spiegava come “la ripartizione per materia dei 30 quiz differiva da quanto poteva evincersi dal bando” e come “la maggior parte delle domande risultava identica a quelle della prova pre-selettiva svolta poche settimane prima in un altro Comune della provincia”.

Nel ridotto elenco dei candidati ammessi, inoltre, spiccava un punteggio di 30/30 ottenuto da una partecipante, figlia di un dipendente comunale a sua volta sottoposto al presidente della commissione d’esame. Una coincidenza che aveva sollevato qualche dubbio.

Il 13 febbraio il segretario dell’Unione ha quindi determinato “un avvicendamento all’interno della Commissione d’Esame”, attribuendo il ruolo di presidente a quello che prima era un “membro esperto” e viceversa. Un provvedimento che riguarda “gli obiettivi gestionali assegnati” all’ex presidente “dalla Giunta Comunale di Villa d’Almè”, “che contemplano attività a più elevata priorità e scadenza più ravvicinata rispetto allo svolgimento del concorso”, ma non solo. La notizia, rileva il dottor Comazzi, aveva portato ad una “sovra-esposizione della Commissione, e particolarmente del suo Presidente, al punto da ingenerare anche all’interno dell’Amministrazione una comprensibile aspettativa di intervento provvedimentale”.

Contattato per un commento, il segretario dell’Unione ha detto di avere “già parlato chiaramente attraverso gli atti amministrativi” pubblicati sul sito. “Le correzioni della prova sono in corso – riferisce -. Sono estremamente fiducioso che la commissione abbia seguito tutte le nuove indicazioni”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.