BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rivoluzione Poste a Bergamo: tricicli elettrici e consegne pomeridiane dei pacchi

Da lunedì 18 febbraio l'azienda lancia la sua riorganizzazione che si basa soprattutto su un adattamento alle nuove esigenze del mercato.

Più informazioni su

Consegne al pomeriggio, mezzi elettrici e più idonei alle nuove esigenze del mercato e ritiro dei pacchi in punti fisici sempre accessibili: Poste Italiane si prepara a una piccola rivoluzione a Bergamo, per stare al passo con il veloce mutamento che sta interessando il settore.

Poste italiane

Da lunedì 18 febbraio, infatti, si attiverà il nuovo modello di recapito denominato “Joint Delivery”, introdotto a livello nazionale nell’aprile scorso e che nel 2019 riprende la sua espansione proprio dalla nostra provincia: “In un settore che sta cambiando rapidamente – spiega Gabriele Marocchi, responsabile ingegneria Lombardia di Poste Italiane – non potevamo sottrarci da una riorganizzazione interna. Da un lato la forte contrazione della corrispondenza nazionale, dall’altro l’e-commerce che invade il mercato: nella borsa del portalettere ci sono sempre meno buste e sempre più pacchetti, con clienti sempre più evoluti, connessi ed esigenti. E che probabilmente non sono a casa nelle fasce di consegna tradizionale”.

Così il servizio di consegna avrà due linee di recapito distinte ma integrate, una per i prodotti tradizionali che continuerà a seguire i soliti orari e una dedicata specialmente alla consegna dei pacchi con fasce orarie estese fino alle 19.45 e nei fine settimana, come da accordi raggiunti con le organizzazioni sindacali.

Una novità che partirà dal centri di distribuzione di Bergamo Buttaro, Lovere e Seriate, per poi espandersi a tutta la provincia.

Ma a cambiare è anche la dotazione dei portalettere che già da qualche settimana possono contare su 8 nuovi tricicli completamente elettrici, attrezzati con un grande cassone da 210 litri di capacità, contro i 76 dei motocicli tradizionali.

Tra le mani, infine, anche un palmare che consente di essere sempre connessi e in grado di aggiornare lo stato della consegna: “Il cliente in attesa del pacco – continua Marocchi – vuole sempre sapere dove si trova e chi spedisce ha l’interesse che l’esperienza complessiva della consegna non venga rovinata nell’ultimo miglio”.

L’ultima novità è quella dei cosiddetti “Lockers”, armadietti fai da te posizionati al momento in tre zone della provincia, a Bergamo in via Buttaro e ai supermercati Auchan di via Carducci e di Curno: consentono di gestire la consegna e la spedizione di un pacco in completa autonomia e sicurezza, praticamente h24.

“Un sistema dotato di tecnologie all’avanguardia dal punto di vista della sicurezza – aggiunge Marocchi – Il cliente può contare su codici temporanei forniti direttamente a lui, utilizzabili per il ritiro in uno di quei tre punti fisici”.

Poste italiane

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.