A cinque anni dalla fusione torna a risplendere il centro storico di Gerosa - BergamoNews
L’inaugurazione

A cinque anni dalla fusione torna a risplendere il centro storico di Gerosa

A poco più di un anno dall’inizio dei lavori di restauro , nella mattinata di domenica 10 febbraio il sindaco di Val Brembilla e il presidente della Provincia Gianfranco Gafforelli hanno inaugurato il nuovo centro storico del borgo montano

A cinque anni dalla nascita del comune di Val Brembilla, il centro storico di Gerosa torna a splendere.

Nella mattinata di domenica 10 febbraio il sindaco del comune orobico Damiano Zambelli, il presidente della Provincia Gianfranco Gafforelli e il parroco don Cesare Micheletti hanno infatti inaugurato il frutto degli interventi di sistemazione e ammodernamento che hanno interessato il piccolo borgo montano.

“Quest’oggi andiamo a inaugurare il frutto della fusione fra Brembilla e Gerosa perché senza di essa non avremmo potuto ottenere i fondi per questo intervento – spiega il primo cittadino di Val Brembilla -. La decisione è giunta grazie all’apporto dei consiglieri delle frazioni e degli amministratori che hanno scelto di investire 500.000 in questo progetto”.

I lavori, svolti dall’impresa Brozzoni di Zogno sul progetto dell’architetto Walter Milesi, hanno compreso la sistemazione dei sottoservizi, l’adeguamento della rete idrica ed elettrica e il rifacimento della piazza antistante la chiesa parrocchiale, come illustra Zambelli: “Dopo aver asportato la pavimentazione in cemento, l’abbiamo sostituita con una nuova in pietra di Lucerna, in continuità con la piazzetta che abbiamo ampliato grazie alla demolizione di un muretto. Oltre a ciò all’entrata del paese abbiamo installato un pannello luminoso che lega a Gerosa a Brembilla”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it