In tanti alla fiaccolata per ricordare Marisa, uccisa a coltellate a 25 anni - BergamoNews
A curno

In tanti alla fiaccolata per ricordare Marisa, uccisa a coltellate a 25 anni fotogallery

Tanta commozione. E tante, tante persone che hanno mostrato vicinanza e solidarietà alla famiglia della vittima

Tanta commozione. E tante, tante persone che hanno mostrato vicinanza e solidarietà marciando in silenzio con una fiaccola, una torcia o un lume in mano.

L’iniziativa è stata organizzata da alcuni amici di Marisa Sartori, la 25enne di Curno uccisa a coltellate la sera del 2 febbraio. Il marito, Ezzedine Arjoun, 35 anni, la sera stessa aveva confessato l’omicidio ai carabinieri, salvo poi ritrattare la propria versione nell’interrogatorio di convalida davanti al gip Luciana Graziosi.

Un’iniziativa pensata “senza desiderio di vendetta, solo per ricordare Marisa e tutte le donne uccise come lei” spiegano gli amici.

“È un segnale importante – commenta il sindaco di Curno, Luisa Gamba, tra i presenti -. La speranza è che nei prossimi mesi questi ragazzi e ragazze accettino di lavorare con noi per capire cosa si può fare per contrastare fenomeni di violenza, in particolare quelli di genere. Lo vedo come un primo passo verso una riflessione più ampia che l’amministrazione intende organizzare”.

Il ritrovo era previsto davanti al negozio di parrucchiera dove Marisa Sartori lavorava e dove già martedì, giorno del suo ventiseiesimo compleanno, alcuni conoscenti avevano lasciato davanti alla saracinesca abbassata per il lutto delle rose rosse e bianche, oltre ad alcuni biglietti di auguri.

Dalle 20,30 la fiaccolata si è poi spostata verso Curno. I partecipanti hanno raggiunto via IV Novembre, la casa dove Marisa viveva con i genitori e la sorella Deborha (ferita, ma fuori pericolo) dopo la separazione dal marito. La fiaccolata si è conclusa davanti a casa.

leggi anche
  • La lettera
    La mamma di Marisa scrive a Sei di Bergamo se: “Grazie di cuore”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it