Omicidio di Curno, lutto cittadino e veglia di preghiera, il sindaco Gamba: "Ferma condanna" - BergamoNews
Il delitto

Omicidio di Curno, lutto cittadino e veglia di preghiera, il sindaco Gamba: “Ferma condanna” fotogallery

Il sindaco di Curno, Luisa Gamba scrive una lettera aperta a tutta la comunità. 

Cari concittadini e concittadine, è con
profondo dolore che ho deciso di scrivere alcuni pensieri e riflessioni sulla tragedia avvenuta nella nostra comunità ieri sera. Come sapete, Marisa, una giovane donna di venticinque anni, che da poco era tornata a vivere con i genitori e la sorella presso gli alloggi comunali di Curno, è stata uccisa dall’ex compagno che non ha accettato la sua decisione di porre fine alla loro unione.

Una violenza brutale ed efferata ha spezzato la giovane vita di Marisa, sta mettendo a rischio quella di Deborha, sua sorella, ancora in prognosi riservata, ha gettato nella disperazione più assoluta i genitori e la famiglia.
In questi momenti è importante che ciascuno di noi, e insieme come comunità, troviamo la forza di pregare per Marisa e per Deborha, e di esprimere con dolcezza la nostra vicinanza alla mamma e al papà.

Nel condannare fermamente questo brutale gesto, desidero esprimere la piena fiducia nel lavoro delle forze dell’ordine che stanno ancora svolgendo le indagini per chiarire la dinamica dei fatti e profondo rispetto e fiducia nel nostro sistema giudiziario. Questa terribile tragedia ci impone però come comunità anche una riflessione più profonda. Oggi le bandiere dell’Europa, dell’Italia e di Regione Lombardia, appese fuori dal municipio, sono state ammainate in segno di lutto e il drappo rosso appeso il 25 novembre scorso in occasione della “Giornata internazionale per l’eliminazione delle violenze contro le donne” è ancora più visibile. Il drappo è un simbolo del lavoro svolto dall’Amministrazione e dalla Commissione Pari Opportunità che dal 2013 si sono attivate per contrastare la violenza sulle donne attraverso percorsi culturali  e di formazione  rivolti a tutti i cittadini e cittadine.

Il percorso “Alla pari” realizzato in collaborazione con i comuni di Mozzo, Lallio e con il Consultorio “Mani di scorta” di Treviolo è l’esempio più strutturato di quanto fatto. Lo scopo di questo percorso culturale è quello di sostenere tutti noi, donne  e uomini, nel contrasto alla violenza maschile sulle donne, riconoscendone le radici e le innumerevoli dinamiche, che attraversano indifferentemente culture e popoli diversi. Quanto fatto non è stato sufficiente per evitare la tragedia che si è consumata ieri sera.

L’impegno e la costanza devono essere ancora maggiori. In questi giorni stiamo gettando le basi per proporre all’Istituto Comprensivo di Curno un percorso di formazione contro gli stereotipi di genere per far sì che le ragazze e i ragazzi delle scuole medie non accettino la violenza, in qualunque forma sia veicolata, i docenti siano aggiornati e formati su questo argomento e i genitori coinvolti e pronti ad ascoltare e sostenere i propri figli  figlie.

Come Sindaco, come donna e come madre ma soprattutto come persona confido che la nostra comunità abbia la forza di continuare ad essere attenta, consapevole e responsabile rispetto al dramma della violenza di genere.
Questo è il tempo della vicinanza alla famiglia colpita da questo terribile evento.

Lunedì 4  febbraio alle ore 20.30 si terrà in Parrocchia un momento di preghiera per ricordare Marisa. Sarà anche l’occasione per un momento di raccoglimento dell’intera comunità perché quanto successo non ci divida ma ci trovi uniti e solidali nel condannare la violenza. L’Amministrazione dichiarerà il giorno dei funerali di Marisa giorno di lutto  cittadino.

Luisa Gamba* sindaco di Curno

Più informazioni
leggi anche
  • L'iniziativa
    Da Mozzo a Curno, una fiaccolata per Marisa
  • L'ultimo saluto
    Un minuto di silenzio per Marisa: oggi i funerali, lutto cittadino a Curno
  • La sorella
    Omicidio di Curno, parla Deborha: “Marisa? Uccisa perché voleva rifarsi una vita”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it