BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lei vuole lasciarlo, lui l’accoltella: Marisa muore a 25 anni, grave la sorella fotogallery

Arjoun Ezzedine, tunisino 35enne, l'ha attesa nei garage della palazzina dei genitori e l'ha colpita al cuore. Grave la sorella Deborha che ha cercato di difenderla

Non accettava la separazione dalla moglie, per questo l’ha attesa sotto casa dei genitori di lei e l’ha accoltellata al cuore, uccidendola. Ci sarebbe un movente passionale alla base dell’omicidio di sabato 2 febbraio a Curno, dove un uomo di origine tunisina, Arjoun Ezzedine, ha ammazzato la giovane moglie Marisa Sartori, 25 anni, e ferito in modo grave la cognata, Deborha, di due anni più giovane, che ora sta lottando tra la vita e la morte all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo, dove è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico. Dopo il delitto l’uomo, 35 anni, si è costituito.

Mancavano pochi minuti alle 20 quando le due sorelle Sartori sono arrivate a bordo di una Daewoo Matiz in uno stabile con 43 alloggi comunali al civico 23 di via 4 Novembre, dove vivono i loro genitori. Marisa era tornata a casa in attesa della separazione dal marito, che aveva deciso di lasciare da qualche mese. Nell’ultimo periodo non sarebbero mancati i litigi. A volte violenti, come raccontano alcuni abitanti della palazzina, dove lui si recava spesso per cercare di ricucire il rapporto.

Sabato sera Marisa e Deborha sono scese nei garage che danno su via Santo Jesus per posteggiare l’auto. Lì ad attenderle c’era il 35enne. L’uomo non accettava la separazione e più volte aveva cercato di far tornare sui propri passi la consorte, che però non ne voleva più sapere.

Nel tunisino è così scattata la follia omicida. Nei garage si era portato un coltello. Quando Marisa ha aperto la portiera dell’auto si è avventato su di lei e l’ha colpita con un fendente al cuore, che si è rivelato fatale. La ragazza è spirata nel giro di pochi istanti. Appena si è resa conto di quello che stava accadendo, la sorella è intervenuta per cercare di difenderla, anche se era troppo tardi, ed è stata a sua volta colpita in modo grave da un paio di coltellate.

Dopo il delitto l’uomo si è costituito in caserma a Curno, dove è stato arrestato con le accuse di omicidio e tentato omicidio. Difeso dall’avvocato Rocco Di Sogra, è stato sottoposto a un lungo interrogatorio che è proseguito fino a tarda notte di fronte al pubblico ministero Fabrizio Gaverini.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.