Quantcast
Violi M5S: "Il Governo non ha bloccato nessun cantiere" - BergamoNews
La replica

Violi M5S: “Il Governo non ha bloccato nessun cantiere”

Il consigliere regionale Dario Violi del M5S Lombardia risponde ad associazioni e operatori economici di Bergamo che hanno chiesto di far partire grandi cantieri per dare una spinta all'economia bergamasca.

Parte da Bergamo l’appello affinchè il Governo sblocchi una lunga serie di grandi opere congelate, che produrrebbero un indotto sull’occupazione pari a 500mila posti di lavoro e sull’economia di 116 miliardi di euro.

A breve giro di posta ecco la replica del consigliere regionale Dario Violi del M5S Lombardia.

“È sorprendente che gli attori economici bergamaschi, sempre ben informati, si lascino andare a un attacco politico a gamba tesa al Governo in carica buttando nel piatto un blocco delle grandi opere che non esiste – dichiara Dario Violi -. Chiariamo alle associazioni e alle sigle sindacali una volta per tutte che il nostro Governo non ha fermato nessun cantiere in Italia. Le grandi opere stanno procedendo e i lotti sono stati finanziati. Il terzo valico e il tunnel del Brennero vanno avanti su input diretto dell’esecutivo mentre su altre infrastrutture ferme da anni, come la TAV, si stanno facendo le opportune riflessioni. Se preferiscono quei Governi che fin qui hanno fatto solo promesse senza concretizzare nulla per Bergamo e per il Paese si accomodino. Noi continuiamo a lavorare nell’interesse dei cittadini”.

“Lo ribadisco: come abbiamo dimostrato in questi mesi siamo pronti a incontrare tutti gli attori economici nell’ottica di rilanciare il Paese e la crescita per il territorio bergamasco, lombardo e italiano. Ma con dati veri – prosegue Violi -. La CGIL parla di un fantomatico taglio di 3,5 miliardi di euro e di investimenti per 550 milioni: sono cifre che non esistono da nessuna parte.
Solo per il dare un’idea delle grandezze, da solo, il bando TPL a cui parteciperà la Tramvia per la Val Brembana vale, per il 2019, più di 2 miliardi e 100 milioni di euro. Grazie al lavoro del sottoscritto si è sbloccata la variante di Trescore che, nonostante i grandi annunci dello scorso Governo era ferma. Sono altri 70 milioni di euro per Bergamo. Quanto allo scalo merci di Bergamo è fermo da anni a causa dei veti incrociati del PD che riesce solo a litigare con se stesso o con la Regione come nel caso dell’Autostrada Bergamo Treviglio. E poi, perché le associazioni non si chiedono che fine ha fatto il rondò dell’autostrada annunciato anni fa e ancora fermo al palo?”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Edilizia
L'appello
Bergamo, il mondo dell’impresa scuote il Governo: “Infrastrutture per dare lavoro”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI