Un progetto innovativo: dall'alternanza all'alleanza scuola-lavoro - BergamoNews
Afp patronato

Un progetto innovativo: dall’alternanza all’alleanza scuola-lavoro fotogallery

Venerdì 1° febbraio l'inaugurazione della nuova area meccanica dell'Azienda di Formazione Professionale del Patronato San Vincenzo. Un settore che sta attirando anche l'interesse delle ragazze.

Novità all’AFP del Patronato San Vincenzo di Bergamo. Nell’area meccanica dell’Associazione per la Formazione Professionale si passa dall’alternanza all’alleanza scuola-lavoro.

A renderlo possibile è l’innovativo progetto “AFP Tools” che, grazie alla sinergia tra scuola professionale, imprese e territorio permette agli allievi di ricevere alta formazione nel settore meccanico usufruendo delle più avanzate tecnologie. Il formatore e responsabile di quest’area, Luigi Ferri afferma: “La parola ‘tools’, che in inglese vuol dire macchinari, attrezzature, utensili, indica il concetto alla base di questo progetto, cioè dare agli studenti la possibilità di formarsi a scuola utilizzando le macchine che troveranno nelle aziende quando andranno a lavorare così come i disegni che vengono impiegati dalle stesse. È una rivoluzione che si sviluppa dalla sinergia tra le imprese e la scuola”.

Alla base vi è un lavoro di rete tra imprese, territorio, scuola e giovani. Ferri spiega: “Tutto è nato grazie all’incontro con due figure fondamentali per questo progetto. Corrado Ceresoli presidente della Ceresoli Utensili e Aldo Curatolo responsabile vendite della DMG Mori. Stavano già pensando ad un progetto simile ed hanno trovato nella nostra scuola uno luogo ideale a questo scopo. Si è costituito un comitato di aziende che collaborando con la scuola hanno reso possibile la realizzazione di AFP Tools affiancato da un gruppo di imprese che supporta lo svolgimento dell’attività. Si è cominciato contando su due macchine – la fresatrice a tre assi DMG Mori e un tornio con utensili motorizzati – alle quali si è aggiunta una fantina messa a disposizione dalla Citizen attraverso l’amministratore delegato Francesco Cavalleri, ex alunno dell’AFP Patronato San Vincenzo”.

In un laboratorio allestito nella scuola i ragazzi possono imparare operando su macchinari all’avanguardia. Il formatore dell’AFP del Patronato San Vincenzo e responsabile della comunicazione, Marco Parisi sottolinea: “Le attrezzature in dotazione hanno le tecnologie più avanzate nell’area della meccanica, ma forniamo agli studenti un bagaglio di conoscenze completo. Per questo vengono preparati anche usando strumenti più vecchi apprendendone l’evoluzione. L’obiettivo è seguire tutte le fasi della produzione e nel prossimo futuro includere il controllo di qualità”.

Particolare attenzione viene prestata alla persona. Parisi annota: “Come da nostra tradizione, oltre a fornire le competenze tecniche, formiamo cittadini educati, che hanno un certo stile di lavorare e sanno stare in azienda”.

L’inaugurazione della nuova area meccanica si terrà venerdì 1° febbraio all’auditorium della Casa del giovane, a Bergamo in via Mauro Gavazzeni, 13. Il programma prevede alle 15 i saluti istituzionali e alle 15.30 un dibattito sul tema “Dall’alternanza all’alleanza scuola-lavoro” con l’intervento di Gianni Bocchieri, direttore generale dell’istruzione, formazione e lavoro di Regione Lombardia; don Enrico Peretti, direttore generale Cnos Fap. Seguiranno un rinfresco e la collocazione al patronato di una scultura ideata dall’artista Francesco Lussana e realizzata dai ragazzi del corso di saldo carpenteria con il docente Stefano Milesi, che riproduce il logo dell’AFP. Marco Parisi precisa: “Ha la forma di un quadrato i cui lati rappresentano impresa, territorio, giovani e scuola, ossia i protagonisti di questo progetto che ci piacerebbe possa essere un modello positivo adottabile anche in altre realtà”.

L’AFP è parte del Patronato San Vincenzo, storica realtà bergamasca composta da strutture diverse, complementari ma distinte: da una parte vi è l’opera diocesana di carità e solidarietà che sta proseguendo il proprio impegno dal 1927, mentre dall’altra vi è l’istituzione che si occupa di formazione per aziende o per i ragazzi delle scuole superiori organizzando corsi professionali dal 1956. L’offerta è ampia: dislocata nelle sedi di Bergamo, Clusone ed Endine, riguarda diversi settori professionali. Fra questi vi è la meccanica che al momento è in grado di garantire ottime opportunità, come dichiara il professor Ferri: “Tutti trovano lavoro: spesso questo settore viene snobbato, ma dà tante possibilità, assunzioni a tempo indeterminato e buoni stipendi. In particolare, le figure più richieste sono gli attrezzisti, operatori su macchine a controllo numerico e saldocarpentieri. Un ambito che sta riscuotendo anche l’interesse delle ragazze, come attestano le prime iscrizioni per il prossimo anno”.

Il Patronato San Vincenzo ha lunga storia: è nato 92 anni fa da don Giuseppe Vavassori come luogo in cui accogliere i giovani e insegnare loro un lavoro. Il formatore Parisi conclude: “Oggi come allora l’obiettivo che ci anima è quello di dare un futuro ai ragazzi e ci sono molte analogie con il passato: quasi tutti i professori dell’area tecnica sono stati allievi dell’ente e nelle aziende molti lavoratori e dirigenti provengono dal patronato”.

Per avere ulteriori informazioni telefonare al numero 035319361 oppure inviare un’e-mail a comunicazione@afppatronatosv.org

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it