BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Quante cure richiede il pelo del vostro cane? I consigli per non esporlo a rischi

Sarebbe ottimale abituare il cucciolo alla spazzola come se fosse un gioco: come e quando sottoporlo alla toelettatura

Più informazioni su

Ormai del Natale rimane solo qualche panettone nei supermercati, ma già s’intravedono mille cuori e cioccolatini per San Valentino. E se invece a voi dal Natale fosse rimasto un cucciolo? Beh, allora a questo punto vi sarete resi conto di quanto sia impegnativo: i giochi, la pappa, i giretti per i bisogni e…la toeletta!

Ebbene sì: quanti cuccioli vediamo regalati per fare compagnia ad anziani o bambini, senza pensare a quanto tempo dovremo poi passare a spazzolarli? Alcune razze in particolare (come barboncini, maltesi, shitzu, yorkshire, razze a pelo medio lungo in genere) se non curati regolarmente possono avere seri problemi: i nodi, se trascurati, possono arrivare a lacerare la pelle.

Sarebbe ottimale abituare il cucciolo alla spazzola come se fosse un gioco, in modo che le cure quotidiane possano essere un piacere, ed eventualmente abbinare anche un premio come una coccola, un biscottino o una crocchetta nel momento in cui l’animale si comporta bene: dobbiamo ricordarci che il cane non provvede da solo alla sua pulizia e quindi la toeletta, che sia eseguita in casa o da professionisti, è necessaria.

Ciò che possiamo consigliarvi è di spazzolare il cane e snodarlo sempre prima di bagnarlo, in quanto se entra lo shampoo nel nodo, questo si infeltrirà e sarà dunque poi impossibile districare i nodi e sarete costretti a tosarlo molto corto, quasi sempre a pelle; utilizzate sempre prodotti specifici evitando shampoo o docciaschiuma ad uso umano. Ponete comunque maggiore attenzione a zone sensibili come occhi, bocca e naso e al tipo di spugna che usate: evitate guanti o spugne in crine, che potrebbero risultare troppo aggressivi.

Tosarli quando non c’è più nulla da fare, con la scusa magari del caldo estivo, non è una soluzione: i cani, di ogni razza e taglia, usano il pelo per termoregolarsi. Anche nel caso in cui il cane perda molto pelo, tosarlo non è una soluzione: spazzolatelo più spesso.

Il pelo ha la funzione di proteggere dal caldo e quindi tosare il vostro cane a pelle non lo aiuterà a sentirsi più fresco, anzi, lo esporrà maggiormente a scottature e a colpi di calore in quanto viene a mancare l’elemento termoisolante in grado di trattenere il calore d’inverno e tenere fresco d’estate: solitamente in autunno/inverno (anche se con questi sbalzi di temperatura il periodo non è più ben definito) si forma il sottopelo, che funge da “coperta”; questo verrà poi perso con l’alzarsi delle temperature.

La mancanza di pelo e della sua funzione impermeabile espone il cane all’umidità, favorendo l’insorgere di reumatismi e artrite.

Con questo non vogliamo assolutamente dirvi di non tosare i vostri cani: il pelo del cane va accorciato, cosa che aiuta anche nell’evitare di “raccogliere” sporcizia per strada, o forasacchi e spine per chi va nei boschi o nei prati; il cane rasato a pelle rimane più esposto anche a questi pericoli, oltre che alle punture di insetti e a tutto quello che abbiamo sopra elencato.

Informatevi sempre con degli esperti, che sia il toelettatore di fiducia o il veterinario, e buon lavoro!

*4 Cani per strada

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.