BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Campionati Europei, storica rimonta per Matteo Rizzo: l’azzurro è bronzo nel singolo foto

Il giovane pattinatore delle Fiamme Azzurre ha chiuso la propria prova alle spalle dello spagnolo Javier Fernandez e del russo Alexander Sakarin

È passato poco più di un anno da quando Matteo Rizzo conquistava a Sofia la medaglia di bronzo ai Mondiali juniores di pattinaggio artistico.

È passato soltanto un anno eppure in questo lasso di tempo il ventenne delle Fiamme Azzurre è cresciuto moltissimo e, dopo il primo podio in una prova di Grand Prix, a Minsk ha conquistato la prima medaglia della carriera in un Campionato Europeo.

Grazie a un programma libero quasi perfetto, nella mattinata di sabato 26 gennaio il pattinatore di stanza a Bergamo ha chiuso la competizione continentale al terzo posto con un punteggio di 247.08 alle spalle soltanto del sette volte campione europeo Javier Fernandez (all’ultima gara in carriera) e al russo Alexander Sakarin; riuscendo così a recuperare sette posizioni dopo il decimo posto del programma corto.

Sulle note dei Queen il “principe” del pattinaggio azzurro ha pattinato con attenzione e grande spontaneità, in particolare nella seconda parte di gara nella quale, accompagnato dal plauso del pubblico, ha saputo ha saputo sciogliersi e scaricare la tensione accumulata durante la prova.

A pesare sulla prestazione dell’atleta allenato da Franca Bianconi sono state senza dubbio le novità inserite nel programma di gara fra le quali spicca il quadruplo toeloop, componente presentata dal pattinatore per la prima volta in una competizione internazionale a cui si aggiungono l’ottima esecuzione anche di altri elementi più classici del layout come il triplo axel/doppio toeloop e il triplo flip/euler/triplo salchow.

“Si tratta di un’emozione immensa, indescrivibile. Sapevo di poter far bene con questo programma e ci sono riuscito, anche se non riesco ancora a credere di aver ottenuto un risultato del genere – confessa Rizzo -. Poter salire sul podio con Fernandez all’ultima gara è un sogno che avevo nel cassetto e che ora si avvera”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.