Stefania era ancora viva quando è stata bruciata? Altamente probabile - BergamoNews
Delitto di gorlago

Stefania era ancora viva quando è stata bruciata? Altamente probabile

Primi risultati dell'esame autoptico sul cadavere della donna uccisa e data alle fiamme

È altamente probabile che Stetania Crotti fosse ancora viva prima di essere bruciata nel campo in cui è stato ritrovata tra i vigneti della Franciacorta. Sono i primi risultati dell’esame autoptico sul cadavere della mamma 42enne di Gorlago, uccisa giovedì 17 gennaio con quattro colpi di martello in testa.

Per il suo delitto è in carcere Chiara Alessandri, 43 anni, che ha confessato di aver colpito la donna dopo una colluttazione nel suo garage, di aver portato il cadavere in auto fino a Erbusco, ma non di avergli dato fuoco.

Gli inquirenti, che continuano a escludere la possibilità di altre persone coinvolte, stanno cercando elementi utili alle indagini per accertare la veridicità di questa ipotesi, ritenuta al momento poco credibile. I carabinieri del comando provinciale di Bergamo stanno analizzando le immagini dei distributori di benzina posti lungo il tragitto che ha percorso la presunta assassina con la sua Mercedes Classe B per capire se si sia fermata a comprare il carburante che avrebbe poi utilizzato per dar fuoco al corpo.

I risultati definitivi dovrebbero arrivare all’inizio della prossima settimana. Prima di tutto bisogna verificare se nei tessuti dei polmoni della vittima siano state trovate tracce di fumo e quindi appurare che sia deceduta in seguito al rogo.

Nel frattempo venerdì 25 gennaio i carabinieri del comando di Bergamo e la Scientifica hanno effettuato un nuovo sopralluogo nella villetta e nel garage dove si è consumata l’aggressione mortale. I militari vogliono capire se davvero Chiara Alessandri, come dice, avrebbe colpito Stefania per difendersi da una sua aggressione.

leggi anche
  • Il dettaglio
    Gorlago, Stefania legata mani e piedi da fascette prima di essere bruciata?
    stefania crotti
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it