BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sara Loda: “A Firenze per dimostrare quant’è cresciuta questa Zanetti Bergamo”

Domenica trasferta toscana per le rossoblù

Il Bisonte aspetta la Zanetti. E la Zanetti scalda i motori per preparare la trasferta in Toscana.

Domenica il campionato torna in scena e le rossoblù sono attese a Firenze. Ma non sarà una sfida come le altre: la Zanetti scenderà in campo per tentare l’aggancio. Le toscane si trovano infatti in settima posizione con 3 punti di vantaggio nella classifica della regular season (23 contro i 20 della Zanetti).

E per preparare al meglio la gara, ecco il test match infrasettimanale: giovedì dalle 18.30 al Pala Agnelli ci saranno le azzurrine del Club Italia per un allenamento congiunto.

Quanto sia importante la sfida di Firenze, lo spiega Sara Loda: “È molto importante soprattutto perché a livello di classifica siamo davvero vicini e anche perché all’andata abbiamo dimostrato che potevamo vincere e invece non abbiamo portato a casa il risultato. Visto che abbiamo iniziato il girone di ritorno molto meglio che all’andata, dobbiamo continuare a dimostrare, partita dopo partita, che realmente stiamo crescendo”.

Che cosa ha avuto più di voi Il Bisonte finora?
“Sono state più continue, hanno mantenuto il loro livello di gioco, che magari non sarà sempre stato altissimo, però non è mai sceso sotto un certo livello. Cosa che invece noi abbiamo fatto, in diverse partite”.

Come si ferma?
“Dobbiamo difendere tanto e aspettarci che loro facciano altrettanto. Quindi non pensare di poter chiudere l’azione in una palla, ma continuando a lavorare per il punto e chiuderla magari anche con due, tre, quattro attacchi o con un colpo intelligente e non solo di forza. All’andata Degradi ci aveva fatto punto in ogni modo e non eravamo riuscite a fermarla, però credo che il loro punto di forza sia la difesa, la loro voglia di non far mai cadere il pallone”.

Come siete cambiate dalla gara di andata a oggi?
“Siamo sempre più consapevoli di quello che possiamo fare e lo abbiamo dimostrato. Siamo cresciute e siamo diventate pian piano una squadra. Ciascuna di noi sa che cosa può dare e ogni volta che viene chiamata in causa fa in modo di darlo”.

Quanto è più difficile entrare in corsa rispetto al partire titolare?
“Io sono disponibile dall’inizio, a metà o alla fine. Mi mantengo pronta per tutta la partita per entrare quando arriva il mio momento e il mio livello di attivazione mentale è lo stesso in ogni momento. Forse da fuori ci si rende conto di più di che cosa serva, anche solo per un apporto caratteriale. Magari riuscire a dare una carica in più, può cambiare la partita”.

Come avete lavorato in questi giorni senza gare ufficiali?
“Abbiamo lavorato più sulla tecnica che sul gioco. Abbiamo fatto allenamenti di difesa, di attacco, di ricezione per riuscire a consolidare al meglio tutti i fondamentali”.

Quanto ancora potete crescere?
“Penso che chiunque venga a vedere i nostri allenamenti si renda conto che la differenza rispetto alla partita è veramente tanta. Dobbiamo riuscire a fare in gara quello che facciamo in settimana: il livello di allenamento è veramente alto. Perché siamo diverse? In partita ci sono anche gli avversari… e poi ci sono meno pressioni, tutte giocano tranquille: se sbagli non succede niente. Se sbagli in partita, invece, è un punto per le avversarie”.

Zanetti-Conegliano in anticipo

Dopo Firenze, la Zanetti tornerà subito in campo a Bergamo. Il turno infrasettimanale di campionato, inizialmente previsto per mercoledì 30, è stato anticipato a martedì per la Zanetti, che riceverà al Pala Agnelli l’Imoco Conegliano: vista la concomitanza con altri eventi sportivi cittadini nelle serate di mercoledì e di giovedì, si è infatti reso necessario lo spostamento del match. Confermato l’orario di gioco: sempre alle 20.30.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.