BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Ciao, vorrei fare una sorpresa a un’amica”: ecco i messaggi che hanno portato Stefania dalla sua assassina

I messaggi che hanno convinto Angelo Pezzotta a trasportare Stefania Crotti nel garage dove è stata uccisa: "Se non si fa bendare annulliamo"

È venerdì 4 gennaio. Chiara Alessandri sta pianificando l’incontro con Stefania Crotti, moglie del suo ex amante, Stefano Del Bello. Deve trovare un modo per far sì che la donna arrivi nel garage della sua abitazione per avere quel confronto che le chiede – senza fortuna – da settimane. I loro figli frequentano la stessa scuola e in paese le voci sul triangolo amoroso che le vede protagoniste si susseguono da troppo tempo.

La Crotti, però, non ha alcune intenzione di parlare con la Alessandri, così quest’ultima escogita un piano: si farà consegnare la rivale in amore da un amico che è all’oscuro della storia avuta tra lei e Stefano Del Bello.

L’amico si chiama Angelo Pezzotta, è un imprenditore 53enne di Seriate che da un po’ di tempo non vede e non sente la Alessandri.

Ecco il messaggio vocale che l’autrice dell’omicidio ha inviato tramite Whatsapp a Pezzotta il 4 gennaio scorso.

Ciao, allora vorrei fare questa sorpresa ad un’amica. O meglio, è l’ex marito che ora vuole farle questa sorpresa, visto che ora – dopo una periodo di distacco – lei è tornata ad essere la sua compagna. Lui vorrebbe fare questa cosa e ha chiesto a me di aiutarlo. Lo avremmo fatto già la settimana scorsa se tu avessi potuto, ma tu non potevi.
Io ho ancora un bel ricordo e mi fido solo di te per questo voglio che questa cosa la faccia tu. Inoltre, mi rivolgo a te perché sei bello, sai come comportarti, ispiri fiducia, ma soprattutto hai un furgone. Se non avessi il furgone non chiederei a te. Il furgone è fondamentale e ti spiego perché: la sorpresa sarà organizzata a casa mia. Ma lei non deve sapere che sarà portata a casa mia, altrimenti non verrebbe perché in passato abbiamo avuto incomprensioni.
Quando arrivi le dovrai consegnare una rosa con un biglietto scritto dal marito. Devi dirle che questa cosa è organizzata dal marito che credo voglia chiederle di sposarlo di nuovo e di fare un viaggio di nozze. Poi devi farla bendare perché altrimenti capisce che la stai portando a casa mia.
Lei salirà davanti, io starò dietro in modo che lei non mi veda e quando arriveremo lì, prima di incontrare il marito, scenderò dal furgone e troverà me e dovremo chiarirci io e lei prima di farle vedere il marito. A quel punto tu dovrai andartene.
Se lei non si farà bendare annulliamo tutto perché lei non deve vedere che viene a casa mia.

Il piano di Chiara Alessandri riesce alla perfezione.

Il resto è storia tristemente nota, con l’uccisione di Stefania Crotti a colpi di martello e il corpo della 42enne di Gorlago portato in un campo ad Adro.

Giovedì 17 gennaio alle 17.50, qualche ora dopo il delitto e il trasporto del cadavere a Brescia, la Alessandri manda un ultimo messaggio vocale via Whatsapp a Pezzotta. È il ringraziamento per il lavoro ottimamente svolto.

Ciao, volevo dirti che tutto è andato bene e volevo ringraziarti di ciò che hai fatto. Il marito è stato contento. Per quanto riguarda la rosa e il biglietto, butta via il biglietto e la rosa dalla pure a una delle tue belle.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.