BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Zapata come Rasmussen e Jeppson: ora va all’attacco di Superpippo

Duvàn poker di gol in una partita: in Serie A solo il danese e lo svedese c'erano riusciti nell'Atalanta. Poi tante triplette, 3 di Ilicic

Più informazioni su

Quattro gol di un atalantino in una partita, lontano da Bergamo, non si erano mai visti.
E già questa è una notizia, è la gioia dei tanti tifosi che vedono ora felice Duvàn Zapata, la soddisfazione della famiglia Percassi che s’è già ripagata la cifra più alta della storia sborsata per il suo acquisto, 26 milioni per il prestito con riscatto biennale dalla Samp.

Vogliamo paragonarlo a quanto uno come Higuain ha ripagato il Milan? E magari tanti avevano fatto lo stesso ragionamento, considerando che fino alla decima giornata Zapata era ancora fermo a zero gol in campionato…

Ora Duvàn sorride, solo Ronaldo può toglierli il primo posto tra i cannonieri che ha in condominio con Quagliarella e lo stesso CR7.

I numeri, ora, sono impressionanti. E autorizzano a vedere Zapata all’attacco del podio dei cannonieri assoluti nerazzurri in un campionato: Inzaghi 24, Jeppson 22…

Facciamo allora un riepilogo dei poker atalantini in Serie A, in una partita?

Sono soltanto due i precedenti e pochi se li ricorderanno o avranno potuto vederli dal vivo. L’ultimo infatti risale al 2 novembre 1952, quando Paul Rasmussen apre e chiude la sfida in casa con la Triestina (5-2, in gol anche Soerensen). Il danese resterà nerazzurro per quattro anni, dal 1952 al 1956 segnando 53 gol, piazzandosi quindi al quinto posto assoluto nella classifica dei cannonieri atalantini.

Pochi mesi prima ma nello stesso anno, l’8 giugno 1952, il poker di Hasse Jeppson nel 7-1 in casa alla Triestina (in gol anche Brugola, Soerensen e Cergoli). Lo svedese arriva dall’Inghilterra e dopo una sola stagione a Bergamo viene ceduto al Napoli per 105 milioni di lire, allora un’enormità. Non vince la classifica dei bomber perché davanti ha una serie di campioni: John Hansen, 30 gol con la Juventus, poi Gunnar Nordahl 26 col Milan e Istvan Nyers, 23 con l’Inter.

Se guardiamo invece in serie B, torniamo indietro di 80 anni per la quaterna di Giovanni Gaddoni, che resta ancora il bomber atalantino più prolifico in un campionato, 25 gol in B nel 1939-40. Il 10 dicembre 1939, Gaddoni segna 4 gol nel 6-0 dell’Atalanta in casa contro il Vigevano (in gol anche Cominelli e Pagliano).

Da allora, nell’Atalanta, si sono viste tante triplette, ma per arrivare ad un nuovo poker di gol bisogna aspettare Zapata e, per la verità, nell’ultimo anno quella di portarsi a casa il pallone è diventata quasi un’abitudine: tre volte Ilicic e una ancora Zapata.

Vediamole, in dettaglio. 14-12-1941: Edmondo Fabbri, 3 gol in Milano-Atalanta 1-3; 11-9-1949: Karl Hansen, 3 gol in Bologna-Atalanta 2-6 e 3 gol l’1-1-1950 in Atalanta-Venezia 3-1; 11-1-1953: Paul Rasmussen, 3 gol in Atalanta-Udinese 5-0 e 3 gol il 17-4-1955 in Atalanta-Fiorentina 5-1; Adriano Bassetto, 3 gol il 27-9-1953 in Napoli-Atalanta 6-3 e il 29-1-1956 in Atalanta-Pro Patria 4-1; Leschly Soerensen, 3 gol il 21-1-1951 in Atalanta-Palermo 3-2; Arturo Gentili, 3 gol il 20-11-1960 in Atalanta-Lecco 3-0; Beppe Savoldi, 3 gol il 22-10-1967 in Atalanta-Varese 4-0; Sergio Clerici, 3 gol il 12-1-1969 in Atalanta-Verona 5-2; Aldo Cantarutti, 3 gol il 23-3-1986 in Verona-Atalanta 0-3; Carlo Cornacchia, 3 gol il 12-41992 in Atalanta-Foggia;  Pippo Inzaghi, 3 gol il 9-3-1997 in Atalanta-Sampdoria 4-0; German Denis due volte, 3 gol il 26-2-2012 in Atalanta-Roma 4-1 e il 7-4-2013 in Inter-Atalanta 3-4; il Papu Gomez il 2-4-2017 in Genoa-Atalanta 0-5; infine, le tre volte di Josip Ilicic, 3 gol il 18-3-2018 in Verona-Atalanta 0-5, il 21-10-2018 in Chievo-Atalanta 1-5 e il 29-12-2018 in Sassuolo-Atalanta 2-6. E Duvàn Zapata, 3 gol il 9-12-2018 in Udinese-Atalanta 1-3.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.